1Q84 Libro 2

Di Haruki Murakami
Titolo originale: いちきゅうはちよん, Ichi-kyū-hachi-yon
Voto: 8,5
Prima edizione: 2009
Numero di pagine: 350
Consigliato: Ni

Tags: Contemporaneo, Fantasy, Giapponese
Amazon

Trama in breve

Come nel libro precedente, leggiamo ciò che capita a Tengo e Aomame a capitoli alterni. Le loro storie, però, si intrecciano sempre di più e ci fanno capire meglio il mondo 1Q84.

Incipit

La fine della stagione delle piogge non era stata ancora annunciata in forma ufficiale, ma il cielo, libero dalle nubi, era di un azzurro smagliante, e il sole di piena estate splendeva forte e caldo sulla terra. i salici, rigogliosi di foglie verdi, dopo tanto tempo tornavano a far ondeggiare le loro ombre dense sul terreno.

Recensione

Il libro 2 di 1Q84 non è assolutamente da leggere senza aver letto prima il numero 1. Di fatto i libri saranno stati staccati per questione di marketing, ma la trama può risultare incomprensibile senza aver letto il precedente. Certi elementi, quelli più importanti, vengono spiegati e alcuni dialoghi e frammenti del libro 1 sono stati riportati, ma sconsiglio assolutamente di affrontarne la lettura senza aver letto il libro precedente.

Partendo da questo presupposto cercherò di fare più una recensione rivolta a chi, avendo letto il libro 1, vuole capire se valga o meno la pena acquistare (anche se in quasi tutte le edizioni vengono venduti insieme) e leggere il libro 2. Spiegando, quindi, in cosa i due libri sono simili e in cosa differiscono.

Lo stile è, ovviamente, sempre lo stesso. Anche qui scene molto crude vengono rappresentate in maniera tale da non meravigliarti più di tanto. Persino l'argomento "sesso" che viene affrontato e raccontato in maniera ambigua non può essere visto come qualcosa di esagerato o oltraggioso perché viene descritto in un modo talmente diretto e allo stesso tempo poetico che non dà assolutamente fastidio. Se lo stile del primo libro vi è piaciuto, anche quello del secondo vi piacerà.

L'ambientazione in cui si entra è diversa da quella descritta dal libro 1 perché, nonostante si tratti dello stesso posto, viene data rilevanza a ciò che cambia e non a ciò che è stato già raccontato. Anche in questo caso è resa benissimo dosando gli aggettivi e le metafore al punto giusto; non è prolisso nel raccontare il panorama ma lo descrive comunque sufficientemente per farti capire com'è e fartelo immaginare.

I personaggi già conosciuti nel libro precedente rimangono coerenti con quello che era già stato descritto. Non vengono raccontati nuovamente ma le loro personalità si possono dedurre da ogni loro gesto e da ogni loro pensiero. I personaggi che, invece, compaiono per la prima volta in questo libro, sono interessanti e particolari quanto quelli principali. Non sono verosimili, o perlomeno non sono come noi ci immaginiamo essere una persona qualunque, ma proprio per questo li ritengo reali. Difficilmente ci accorgiamo delle particolarità di chi ci circonda, magari lui stesso non medita a fondo sulle ragioni delle sue azioni e dei suoi sentimenti; qui, invece, ogni personaggio si analizza e si fa analizzare dal lettore, facendosi conoscere per quello che è. Alcuni dettagli fanno anche capire meglio certi aspetti che non conoscevamo di alcuni personaggi secondari del libro 1.

I dialoghi sono strani quanto i personaggi, anche se dopo il libro 1 ormai ci sono abituata e mi aspetto esattamente quello che dicono e fanno. Anche i dialoghi con i personaggi introdotti in questo libro sono particolari, anche se non raggiungono le stranezze e particolarità lette nel libro precedente.

Il messaggio del romanzo è sempre lo stesso, anche se in questo libro viene ricordato meno. I riferimenti a George Orwell, a 1984 e al Grande Fratello però ci sono e ricordano al lettore il nesso che si poteva chiaramente vedere nel libro 1. Per quanto fuori dal genere e ambientato nel passato rispetto a quando è stato pubblicato, in un certo senso lo potrei considerare anche distopico perché rappresenta comunque una paura di qualcosa che avrebbe potuto realizzarsi, anche se l'elemento fantasy impedisce ovviamente di considerare reali le dinamiche raccontate.

La trama è molto più consistente rispetto a quella del libro 1. Succedono alcune cose ma, soprattutto, viene spiegato tutto ciò che rimaneva dubbio nel libro 1. Questa parte fa chiarezza, quindi, su ciò che sta succedendo e sviluppa molto bene ciò che si era capito ma non era stato spiegato nel libro precedente.

La struttura ai miei occhi, però, comincia un po' a vacillare. Ora che sono state spiegate molte cose ci sono elementi che considero stridenti o non spiegati adeguatamente. Bisogna dare atto all'autore perché ha cercato di spiegare ogni singolo elemento e persino quelli che non combaciano molto con la versione data sono stati spiegati, certi chiarimenti, però, non mi sono suonati benissimo e non mi sembrano molto credibili. Ovviamente si tratta di un fantasy e non si parla di cose che possono realmente accadere, ma alcuni elementi non sono coerenti con ciò che viene detto dall'autore, o perlomeno io non ho avuto abbastanza immaginazione per capire tutto. Alcune discrepanze sono evidenti ma non vengono toccate, forse nel libro 3 questo sarà chiarificato. Il fatto che sia diviso in capitoli con protagonisti diversi, invece, continua a piacermi molto. Anche in questo libro ho preferito le parti che vedono come protagonista Aomame.

La suspense è anche maggiore rispetto a quella del libro precedente. Succedendo più cose ed arrivando sempre di più alla comprensione di quello che accade è inevitabile avere voglia di leggere ciò che succederà dopo. Si suddivide nei capitoli in maniera eterogenea; ce ne sono alcuni che non ti inducono necessariamente alla lettura e altri che, invece, ti chiamano. Alla fine è talmente tanta che ti spinge a prendere immediatamente il libro 3. Io lo confesso: appena finito il libro 2 sono andata subito a sbirciarmi struttura e nomi dei capitoli del libro 3, non sono arrivata a leggerne un estratto, ma avrei potuto cedere. In caso decideste di leggere questo libro vi consiglio di comprare direttamente anche il numero 3; vi verrà sicuramente voglia di continuare.

Il ritmo è finalmente considerabile un pro del romanzo; anche per le persone abituate ad un ritmo più veloce questo andamento dovrebbe andare bene. I capitoli sono corti e piuttosto densi di informazioni, il tempo sembra stringere e si sente la necessità di leggere cosa succede. Sicuramente non è il ritmo serrato di un thriller, ma non dovrebbe indurre nessuno alla noia e ad abbandonare il libro. 

Il genere del libro 2 è sicuramente più orientato al fantasy del libro precedente, mentre nell'1 c'erano alcuni elementi del genere in questo tutto viene spiegato e raccontato sotto questo punto di vista. Sinceramente temevo un po' la lettura di questo secondo episodio di 1Q84 proprio perché immaginavo ci sarebbe stata questa influenza fantasy più accentuata. Probabilmente avrei gradito di pià che il romanzo facesse una svolta diversa, fantascientifica magari, ma dopo aver letto il libro 1 era impossibile aspettarsi qualcosa di diverso. Tutto sommato ho apprezzato comunque l'idea e penso che, nonostante il genere sia orientato per un pubblico più giovane, possa piacere comunque agli adulti. Questo romanzo non è assolutamente adatto ai ragazzi, oltretutto.

La ripetitività che ho riscontrato nel libro 1, specialmente nella fine è presente anche nel libro 2, anche se in misura minore. Sembra che, per impolpare il libro e renderlo così vendibile diviso in 3 parti abbiano cercato di "allungare il brodo" per poterlo rendere più lungo. Non l'ho apprezzato ma non ha nemmeno arrestato il ritmo della lettura, trattandosi poi di ripetizioni scritte verso la fine quando non vedevo l'ora di vedere cosa succedeva dopo.

Lo consiglio solo a chi ha letto il primo. Se non vi è piaciuto per la sua lentezza questo potrà interessarvi di più. Se, invece, non amate lo stile dell'autore o i suoi personaggi allora vi sconsiglio caldamente di continuarne la lettura.

Trama completa (con spoiler)

Aomame, incaricata dalla signora, si reca all'appuntamento con il Leader; ufficialmente deve aiutarlo con lo stretching, ma in realtà lo deve uccidere. L'incontro con il Leader del Sakigake procede molto bene ma, proprio quando sta per ucciderlo, la ragazza capisce che l'uomo sa quello che sta per fare. L'uomo le dice di voler morire a causa del dolore insopportabile che soffre, le mostra i poteri speciali che ha facendole capire di essere un uomo fuori dal comune. Aomame non sa più se uccidere l'uomo e questi decide di raccontarle un po' di quello che è successo e sta succedendo per indurla ad ucciderlo. Le racconta di essere il padre di Fukaeri e che è stata proprio la ragazza a far entrare, inconsapevolmente, i Little People all'interno del Sakigake. Le racconta anche dei rapporti sessuali intrapresi con le bambine; dove l'uomo non aveva una parte attiva poiché accadevano quando lui era preda di una paralisi. Infine, le racconta di Tengo e della sua implicazione con Fukaeri, le dice che se lui non morirà i Little People faranno di tutto per uccidere Tengo. Ammette anche che la vita di Aomame sarà sicuramente spacciata in caso lo uccidesse, perché gli uomini della comunità le daranno la caccia capendo che è stata lei ad ucciderlo. La ragazza, per amore di Tengo, decide di uccidere l'uomo e destinarsi così ad una morte certa. Una volta terminato il suo compito Aomame scappa in una casa sicura predisposta per l'occasione dalla signora e da Tamaru, la sua guardia. Trovandosi nell'appartamento e non potendone uscire Aomame riflette su ciò che le ha raccontato il Leader e, trovando una copia della "Crisalide d'aria" nella stanza e sapendo che è stata scritta da Tengo e che racconta ciò che è successo dentro la comunità decide di leggerlo. Il libro viene riassunto al lettore, che finalmente capisce cosa è successo a Fukaeri bambina: durante una punizione in cui era costretta in una stanza con il corpo di una capra morta i Little People le sono apparsi e l'hanno convinta a costruire con loro una crisalide d'aria. Dopo giorni in cui il lavoro è andato avanti la bambina torna nella stanza e nota che la crisalide si sta aprendo q guarda all'interno. Dentro la crisalide c'è un'altra lei, la sua daughter, che rispecchia la sua anima. I Little People le dicono di occuparsi di lei ma Fukaeri, spaventata, decide di fuggire via dalla comunità. Aomame sta riflettendo su questa storia, sorseggiando una cioccolata calda quando, sul terrazzo, comincia ad osservare le due lune in cielo. Ad un certo punto si accorge che, nel parco di fronte, un uomo sta guardando a sua volta il cielo e comprende che si tratta di Tengo. La ragazza, dopo attimi di confusione, decide di uscire e di farsi vedere da lui ma quando raggiunge il parco Tengo non c'è più. Il giorno dopo Aomame cerca di raggiungere la scala che l'ha portata nel mondo 1Q84 ma scopre che non c'è più, decide quindi di togliersi la vita e spararsi proprio lì, dove è cominciato tutto.

Tengo vive senza conoscere sviluppi della situazione finché Fukaeri non si presenta da lui e gli dice di dover stare da lui. Il ragazzo non riesce a contattare nessuno dei personaggi coinvolti nella situazione e vive nell'inconsapevolezza di cosa sta succedendo ma decide di ospitare Fukaeri. Un uomo, probabilmente associato ai Litlle People, gli offre di proteggerlo in cambio della sua non collaborazione con Fukaeri contro il Sakigake ma lui rifiuta. Ad un tratto capisce che è di fondamentale importanza per la sua vita trovare Aomame e perciò si mette a cercarla, informato da Fukaeri che lei si trova vicino a casa sua, non riesce però a trovarla. Quando il ragazzo va a trovare il padre, moribondo, all'ospedale trova una crisalide d'aria che si sta per schiudere e , guardando all'interno, trova Aomame bambina.

Citazioni

"Forse la cosa giusta da fare per lui era stare in piedi all'incrocio del presente e guardare con coraggio e sincerità al passato. Scrivere il futuro come se riscrivesse il passato."

"Col tempo, per arginare quel vuoto si era costruita il suo personaggio. Se si fossero strappati via uno dopo l'altro gli strati che componevano quell'io fittizio, sarebbe rimasto solo l'abisso del vuoto insieme alla sete ardente che esso portava con sé."

"Mi sono stancato di vivere odiando qualcuno, disprezzandolo, portandogli rancore. Mi sono stancato di vivere senza amare nessuno. Non ho un amico, nemmeno uno. E soprattutto non posso amare me stesso. Sai perché? Perché sono incapace di amare gli altri. Ed è soltanto amando gli altri, ed essendo amati, che si impara ad amare se stessi. Ma non sto dicendo che è colpa tua se sono così. Penso che anche tu sia una vittima come me. Penso che nemmeno tu sappia cosa significa amare se stessi. Sbaglio?"

"A pensarci bene, dopotutto, il mondo in cui viviamo non è un immenso spazio da esposizione? Si entra, ci si siede un po', si prende un tè, si guarda il paesaggio fuori dalla finestra, e quando arriva il momento si ringrazia e si esce. Tutti i mobili sono finti. Persino la luna sospesa alla finestra, forse, è finta."

Sinossi ufficiale

Tokyo, 1984. Aomame è un'assassina spietata e fragile. In minigonna e tacchi a spillo, vendica tutte le donne che subiscono violenza, con una tecnica micidiale e invisibile. Tengo è un ghost writer che deve riscrivere un libro inquietante, pericoloso come una profezia. Entrambi si giocano la vita in una storia che sembra destinata a farli incontrare. Ma quando Aomame vede sorgere in cielo una seconda luna, capisce che, forse, non potranno condividere neppure la stessa realtà...

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.