Il piano infinito

Di Isabel Allende
Voto: 7
Prima edizione: 1991
Numero di pagine: 326
Consigliato: Ni

Tags: Contemporaneo, Latino-americano, Saga familiare, Vietnam
Amazon

Trama in breve

La famiglia Reeves crede nel Piano Infinito predisposto per ognuno di noi e vive errando e diffondendo il suo credo di città in città finché, un giorno, non è costretta a cambiare stile di vita e ad affrontare la dura realtà.

Dedica

Al mio compagno, William C. Gordon, e alle altre persone che mi hanno confidato i segreti delle loro vite. Anche a mia madre, per il suo affetto incondizionato e l'implacabile matita rossa con cui mi ha aiutata a correggere questa storia.

Incipit

Andavano per le vie dell'ovest senza fretta e senza meta precisa, mutando rotta secondo il capriccio di un istante, al segnale premonitore di uno stormo di uccelli, alla tentazione di un nome ignoto. I Reeves interrompevano il loro erratico peregrinare ove li cogliesse la stanchezza o incontrassero qualcuno disposto ad acquistare la loro impalpabile mercanzia. Vendevano speranza.

Recensione

Ho letto diversi libri di Isabel Allende e li ho sempre apprezzati tutti anche se non allo stesso livello e per motivi differenti. Questo romanzo differisce un po' da quelli che ho letto in precedenza ma lo stampo della scrittrice è ben riconoscibile ed apprezzabile. Penso, però, che per poter gradire e capire al meglio questa autrice ci si debba orientare di più verso letture come "La casa degli spiriti". Nella mia recensione cercherò di raccontarvi i tratti distintivi di Isabel Allende e in cosa differisce, seppur in parte, questo romanzo dai suoi libri principali.

L'ambientazione del libro inusuale è l'elemento che salta subito all'occhio di un lettore abituale di Allende; non è l'America Latina ad essere descritta bensì la storia è focalizzata sulla California. Come la maggior parte di voi saprà, Isabel Allende è cilena, ma ha vissuto solo parte della sua vita in Sud America e si è poi trasferita nel Nord America, ricevendo cittadinanza statunitense. Nel suo primo periodo come scrittrice e nei libri che fin'ora ho letto dell'autrice, era la sua prima parte di vita ad influenzare enormemente le ambientazioni delle sue opere, in questo caso invece l'autrice ha modificato questo elemento. Penso che la caratteristica principale dell'autrice sia proprio la sua capacità di descrivere l'ambiente e l'atmosfera di ogni luogo, quindi non penso che questo cambiamento abbia influito negativamente sul romanzo, forse un po' della magia a cui ci ha abituati l'autrice viene persa in questa nuova ambientazione, o forse lo è solo per me che, abituata ad altro, fatico ad abituarmi all'idea, comunque il tutto ha la firma di Allende: impossibile non riconoscere il modo di raccontare un luogo che lei ha, indifferentemente da dove si trovi e di cosa si tratti. Dicono in molti che per scrivere un buon romanzo bisogna parlare al suo interno di cose che si conoscono, io penso però che ci siano diversi livelli in cui una persona possa conoscere qualcosa. La passione che si legge nell'autrice nel descrivere tutto, per farci capire come si poteva vivere in quella situazione, i disagi tratti dall'essere di razza minoritaria, i costumi diversi, l'importanza dell'educazione fa capire che lei non solo conosce a fondo l'argomento ma che ci tiene anche a raccontarlo e farcelo conoscere al suo stesso livello. Quando l'intento dell'autore è quello di trasmettere qualcosa, è inevitabile che il lettore avverta questa intenzione e si lasci trasportare di più dal romanzo.

Il messaggio legato al libro è molteplice; la nuova ambientazione ha permesso all'autrice di soffermarsi maggiormente sul tema delle razze e del razzismo ma la trama del libro è orientata anche a farci meditare sulla vita. Il Piano Infinito dice che le nostre vite sono già segnate, le cose devono accadere in un determinato modo e in un determinato momento, e se tornassimo indietro rifaremmo esattamente le stesse cose, alla fine del romanzo comprendiamo il pensiero dell'autrice al riguardo. Personalmente non sono d'accordo con ciò che viene sostenuto, ma si tratta di mere opinioni personali che ognuno può avere e cambiare ogni giorno, è stato comunque interessante leggere cosa ne pensano l'autrice e, di conseguenza, i suoi personaggi.

Per questo romanzo ho deciso di inserire l'etichetta saga familiare perché si parla della famiglia Reeves, anche se il protagonista indiscusso della storia è indubbiamente Gregory. Ciò che succede a tutti gli altri personaggi, membri della famiglia e non, viene descritto più succintamente però ha comunque rilevanza nel testo. Come anche altri libri dell'autrice che vengono considerati saga familiare ma in realtà vedono come protagonisti solamente alcuni di loro. Penso, però, che chi apprezza il genere potrà apprezzare il lavoro che è stato fatto in questo romanzo. 

I personaggi capostipite della famiglia sono descritti in maniera dettagliata nel libro mentre i successivi vengono personalizzati pian piano, dando meno importanza alle descrizioni lunghe e più alle differenze che intercorrono nella loro personalità dopo certi avvenimenti. Entrambe le descrizioni sono azzeccate; nelle descrizioni lunghe e dettagliate l'autrice ci fa sorridere e ridere sulle stravaganze dei suoi personaggi, in quelle più corte e sintetiche ci fa capire il perché certi personaggi siano fatti così. Il protagonista Gregory è un ragazzo e poi un adulto molto complesso, per non dire complessato, che ha molto dell'umano; ha delle debolezze, delle paure, delle fisse e così via. Anche gli altri personaggi sono molto credibili, e sono tutti molto diversi, cosa che apprezzo molto. In tutti i libri di Allende i personaggi sono molto particolari, in questo forse ho notato qualche nota creativa in mneo ma comunque molto apprezzabile.

Ai dialoghi non viene data molta importanza e, per questo motivo, non li ritengo né indimenticabili ne mal strutturati.

L'ironia è presente più nella prima parte del romanzo, successivamente è ancora presente main misura nettamente inferiore; anche gli argomenti affrontati possono essere una spiegazione di questa scelta. L'ho molto apprezzata nelle descrizioni iniziali della famiglia Reeves e anche nei commenti di alcuni personaggi. Non è onnipresente e mi sarebbe piaciuto che ce ne fosse un po' di più, però l'ho apprezzata.

Il romanzo è suddiviso in quattro parti che, a grandi linee, vedono momenti diversi della vita del protagonista. La struttura è ben evidente ed apprezzabile, personalmente avrei preferito incentrare meno il romanzo sul punto di vista di Gregory e avrei gradito di più avere più personaggi principali oltre a lui e Carmen, ma è sicuramente ben fatta e coerente. Ho apprezzato anche il fatto che vi siano momenti in cui il racconto procede in terza persona mentre, altre volte, è direttamente il protagonista in prima persona a raccontarci quello che pensava e provava in quel determinato momento. Vi dico anche, perché so che per qualcuno è un limite, che il libro non è suddiviso in capitoli, ci sono dei paragrafi e quattro suddivisioni di parti ma non c'è altro che permetta al lettore di fare pause misurate durante la lettura.

La trama è il tasto dolente del romanzo. e si tolgono le descrizioni dei personaggi, delle differenze razziali, si tolgono le riflessioni sulla vita e si spoglia il romanzo di tutto ciò che vi ho raccontato fin'ora purtroppo rimane ben poco. Il momento che ho apprezzato di più è quello che, in effetti, esula un po' dalla storia principale dato che racconta la guerra in Vietnam che è quasi come una pausa riflessiva all'interno della trama principale. I lettori si distinguono tutti l'uno dall'altro, e a quelli che necessitano di spunti interessanti per poter continuare un romanzo, a meno che non siano interessati appunto alla guerra nel Vietnam in maniera tale da poter attendere per arrivare a quel punto, questo libro io non mi sentirei di consigliarlo. Quanto ho appena scritto si può anche evincere dal fatto che la maggior parte delle citazioni che ho scelto per voi sono proprio relative alla terza parte del romanzo dove viene descritta la guerra.

Lo stile è lo stile di Allende; rende leggere frasi importanti e su questioni spinose, rende magiche cose del tutto normali, rende non volgari scene volgarissime. Isabel Allende è una garanzia sotto questo punto di vista, assolutamente riconoscibile e distinguibile su milioni di altri. 

Il ritmo della lettura non è né veloce né lento, tutto dipende da quanto ci sia appassiona agli elementi che vi ho descritto nella mia recensione. Io non sono stata molto attirata dalla trama perciò non avevo particolare curiosità nel continuare il libro, allo stesso tempo però non mi annoiavo affatto leggendolo.

Lo consiglio solo a chi ha letto altro dell'autrice, non è il libro giusto con cui iniziare a conoscere questa fantastica autrice. Nonostante non l'abbiate ancora  fatto vi esorto a leggere "La casa degli spiriti" libro che vi farò capire in maniera ottimale se questa autrice fa per voi o meno!

Citazioni

"Voglio fuggire, sono terrorizzato, ma nello stesso tempo voglio vedere, so che sta succedendo qualcosa d'importante e di proibito, sono testimone di un violento segreto. Mi manca il fiato, tento di chiamare mio padre, apro la bocca e la voce non esce, inghiotto fuoco, un grido mi riempie dentro e mi soffoca."

"La sua visione del mondo era deformata, ma comunque più vasta di quella degli altri studenti e di parecchi professori. Ogni idea nuova o abbagliava, credeva di aver scoperto qualcosa di unico e si sentiva in dovere di rivelarlo al resto dell'umanità, ma ben presto si rese conto che l'esibizione della cultura era come una sberla per i suoi compagni."

"Non interrompermi, sto perdendo le forze. Perché ti ho riempito il cervello di letture per tanti anni? Perché tu lo adoperi! Quando uno si procura da vivere con un lavoro che non gli piace si sente uno schiavo, quando uno lo fa con un'attività che ama si sente un principe. Prendi il denaro e vattene lontano da questa città, hai capito?"

"Gente. La guerra è gente. La prima parola che mi viene in mente quando penso alla guerra è gente: noi, i miei amici, i miei fratelli, tutti uniti nella stessa disperata fraternità."

"Dobbiamo provare ogni giorno che non siamo uomini, siamo guerrieri, resistere, sopportare il dolore e il disagio, non lamentarci mai, uccidere, stringere i denti, e non pensare, non indagare, ubbidisci, per questo ci hanno domati come i cavalli, ci hanno allenato a forza di calci, insulti e umiliazioni."

"È facile passare inosservati, cancellarsi come un'ombra. A meno che uno non commetta una stupidaggine fuori del comune i giorni passano uno dietro l'altro con l'unico scopo della sopravvivenza, questa tremenda macchina invincibile si fa carico di tutto, chi sta in alto prende le decisioni e si suppone che sappia farlo, non mi preoccupo, posso scomparire tra le file, sono uguale agli altri, sono un numero senza volto, senza passato e senza futuro."

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Lina
10/08/17 - 02:13:01
Isabel Allende non è cilena, è nata in Perú e ha vissuto parte della sua vita in Cile.
Leggo Quando Voglio Admin
10/08/17 - 10:18:00
Ciao Lina, ti ringrazio per il tuo commento. Io non conosco la biografia di Isabel Allende perfettamente ma, da quello che so, è nata in Perù da due genitori cileni ed ha abitato molto più in Cile. Lei stessa si identifica solitamente con il Cile e, per questo, per me non è sbagliato definirla cilena. Se hai qualche maggiore informazione che io non conosco, però, fammelo pure sapere e modificherò ciò che ho scritto!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.