Trama in breve

Delle morti sospette si stanno verificando nell'ospedale dove lavora Cassie; giovane donna sposata con un famoso cardiochirurgo che lotta ogni giorno contro le sue ansie e preoccupazioni.

Dedica

A Barbara e Fluffy, i miei fedeli compagni e i miei più volenterosi ascoltatori.

Incipit

Bruce Wilkinson passò dal sonno profondo al più lucido stato di veglia con tale rapidità che si sentì sopraffare da un senso di paura, come un bambino che si desta da un incubo. Non aveva idea di cosa lo avesse svegliato, ma suppose si fosse trattato di un rumore o di un movimento.

Recensione

Primo libro di Robin Cook che leggo; pensavo decisamente di meglio. Sbirciando su Wikipedia ho visto che questo è il sesto libro pubblicato dall'autore e che il genere medical thriller è il suo marchio di fabbrica, cosa che ignoravo totalmente anche prima di leggere il romanzo.

Robin Cook era un medico che ha deciso un giorno di dimettersi perché stanco del trattamento che veniva riservato ai pazienti e decide di cominciare a scrivere libri-denuncia su quello che viene fatto ai pazienti negli ospedali scritti, però, sotto forma di thriller per far sì di garantire vendite e, quindi diffusione. Questa storia l'ho letta e ve l'ho riportata perché ad esse mi ispirerò ma, personalmente, non ci credo nemmeno un po'.

Se avessi saputo anche prima della lettura di questo messaggio che l'autore vuole mandare al mondo sarei sicuramente rimasta ancora più delusa dal libro che sto recensendo; non è data una grande importanza alla denuncia sociale; tant'è che non vi è neppure un messaggio vero e proprio che arriva al lettore una volta terminato il libro. L'utilità da questo punto di vista direi che è assolutamente nulla; i legal thriller di Grisham nati con lo stesso intento sono senza dubbio più incisivi, oltre che più interessanti.

Leggendo questo libro mi è sembrato di vedere una puntata di Grey's Anatomy fatta male; stereotipi sui medici accumulati uno sull'altro senza nemmeno un cenno di spiegazione o approfondimento.

La trama iniziale degna di una puntata del Detective in Corsia poteva anche catturare la lezione del lettore sdraiato in spiaggia e con mancanza di cose da fare (come in effetti, ero io) ma lo svolgimento che Cook gli ha voluto dare con tutto che si palesa immediatamente e con nessun colpo di scena degno di questo nome non attira certamente la voglia di andare avanti con la lettura. L'idea iniziale non era male, anche se non particolarmente originale ma è stata sviluppata davvero male. Mi capita raramente di pensare che un eventuale film possa essere migliore del libro ma in questo caso l'ho pensato; non è davvero un buon segno.

I personaggi sono l'elemento che più mi ha irritato di tutto il romanzo; la maggior parte non è minimamente approfondita e i pochissimi che vengono conosciuti dal lettore sono talmente fastidiosi che viene da rimpiangere che vi sia stato un tentativo di caratterizzazione da parte dell'autore. La protagonista è la vergogna del genere femminile; io capisco voler raccontare di una donna debole, soggiogata, ma nel romanzo l'impressione è più quella di trovarsi di fronte ad una donna qualsiasi; come se fosse normale per una donna essere totalmente priva di personalità. Io ho capito l'intento dell'autore; lui fa leggere al lettore i pensieri di entrambi i protagonisti in modo da far vedere i diversi punti di vista; l'idea è buona ma è proprio il modo in cui è realizzata che ha reso questo libro così poco piacevole. Se i personaggi fossero stati meglio caratterizzati l'idea sarebbe andata a buon fine e così anche il thriller in sé che sarebbe sembrato sicuramente più credibile e anche più entusiasmante; non capendo tutto dall'inizio si poteva sicuramente apprezzare di più anche sotto l'aspetto della suspense. La mancanza, poi, di un riscatto, qualcosa che faccia capire che sì i personaggi hanno agito sbagliando ma adesso hanno imparato la lezione ha reso del tutto vano l'intero libro sotto questo punto di vista.

La struttura è fatta bene, sono le parole con cui viene narrata la trama che obbligano il lettore a capire tutto sin dal principio; se il romanzo fosse stato strutturato nello stesso modo ma scritto da qualcun altro sicuramente ne avrebbe beneficiato in quanto a suspense. La credibilità non c'è non a causa della struttura, bensì a causa dei personaggi; io capisco che tu voglia rendere la protagonista un'inetta totale che non riesce a vedere al di là del proprio naso, ma non è davvero credibile che non capisca certe cose, talmente lapalissiane da renderle ovvie a chiunque.

Lo stile non mi ha convinta, penso che ci sia molto di peggio ma anche molto di meglio. Trattandosi di un medico capisco che non abbia avuto particolare esperienza prima di mettersi a scrivere però, questo è il suo sesto libro ed è stato pubblicato ben dieci anni dopo il suo libro d'esordio perciò penso che lo stile di Cook non faccia per me; mi riservo però la possibilità di leggerne uno pubblicato più recentemente per dare un giudizio vero e proprio.

Per quanto l'ambientazione sia quasi tutta basata sull'ospedale l'autore non ci fornisce dettagli atti a farci immaginare il luogo in maniera realistica; all'ambientazione viene data solo l'importanza necessaria per far comprendere ciò che sta succedendo nella scena.

Per creare l'atmosfera giusta, soprattutto nei momenti di agitazione e pericolo, ho notato invece uno sforzo da parte dell'autore che, però, non è riuscito pienamente nell'intento non riuscendo assolutamente a coinvolgere il lettore emotivamente.

Non lo consiglio perché di thriller ce ne sono tantissimi al mondo e penso che questo non abbia spunti di nessun tipo per meritarsi la lettura piuttosto che un altro suo rivale.

Trama completa (con spoiler)

Cassie è la moglie del Dottor Kingsley. Lei è al primo anno della sua carriera da psicologa mentre lui è un chirurgo cardiovascolare affermato; una celebrità all'interno dell'ospedale dove lavorano.

Cassie ed il suo amico Robert stanno, ormai da un po' di tempo, interessandosi a dei casi di morte di pazienti operati chirurgicamente; ciò che li stupisce è che in molti casi i pazienti siano morti dopo operazioni perfettamente riuscite e senza che l'autopsia riuscisse a riscontrarne la causa della morte.

Quando l'uomo colpevole di queste morti scopre della loro ricerca decide di ucciderli; con Robert il suo intento va subito a segno ma con Cassie qualcosa va storto. L'uomo tente di ucciderla nuovamente in casa sua, facendole iniettare una dose troppo alta di insulina (Cassie è diabetica) e eliminandole tutte le possibilità di contatto con l'esterno.

Nonostante sia ovvio che l'assassino è senza ombra di dubbio suo marito Cassie gli crede immediatamente quando lui le dice di voler essere aiutato perché prende troppe pillole e sale in macchina con lui. Quando capisce (finalmente!!!) le intenzioni del marito i due hanno un incidente in macchina e l'uomo muore.

Cassie si fa passare in poco tempo il dolore per la morte del marito e comincia ad uscite con un altro cardiochirurgo.

E tutti vissero felici e contenti.

Citazioni

Sembrava che nessuno fosse in grado di capire che la chirurgia, quella possibilità di dare la vita, e il costoso reparto di cure intensive erano concepiti per pazienti destinati a guarire, non per i morti viventi.

Il mugghiare del vento, che pochi minuti prima aveva accresciuto il suo senso di sicurezza, le fece l'effetto opposto. Si sentì assalire dall'antica paura di essere abbandonata.

L'uomo si sentì svuotato. Cercando di non pensare, andò in bagno per lavarsi via il sangue dalla bocca. Tutte le altre volte che aveva eliminato un paziente era stato convinto di compiere una cosa giusta. Lui dava la vita, lui la toglieva. Ma la morte era dispensata soltanto per favorire un bene maggiore.

Riusciva a ricordare l'orribile sensazione di essere rinchiusa dentro il proprio mondo, sentendosi acutamente vulnerabile. Vulnerabile e atterrita. Ma atterrita da cosa?

 

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.