Novelle Pendolari

Di Samuele Baracani
Voto: 8
Prima edizione: 2015
Numero di pagine: 110
Editore: Self Publishing
Consigliato: Si

Tags: Contemporaneo, Italiano, Racconti, Emergente, Umoristico
Amazon

Trama in breve

Novelle pendolari; racconti che alcuni viaggiatori abituali si narrano tra loro per passare il tempo del viaggio. Ogni novella ha una trama differente dall'altra, tutte sono divertenti e di piacevole lettura.

Incipit

Molti sono gli uomini che sono costretti a viaggiare per lavorare. guadagnarsi da vivere o per studiare e fra questi alcuni devono pecorrere la tratta da Torino a Biella.

Recensione

Novelle pendolari. Già il titolo ci fa capire qualcosa del libro e dell'autore che andremo a leggere.

Novelle (sul blog accorpate ai Racconti) ci fa capire già due cose. Prima di tutto che la trama non è una sola ma si tratta di più storie, ma dettaglio più importante è il termine utilizzato. L'autore infatti non l'ha chiamato, ad esempio, racconti pendolari, e un motivo c'è.

Si comprende, infatti, dall'utilizzo della parola novelle, dal modo in cui Baracani scrive e anche dalla prefazione stessa, che lo stile dell'autore è ispirato a libri che contenevano, appunto, questo tipo di narrazione. Il primo libro che mi è venuto in mente, a cui, senza dubbio, avrete pensato anche voi, è il Decamerone.

Pendolari, invece, è un termine che svela il filone principale della trama di queste novelle, che sono raccontate dai personaggi abituali di un treno.

Il forte riferimento alla Letteratura che noi tutti conosciamo e abbiamo studiato rappresenta il motivo portante per cui ho apprezzato o no, ogni aspetto del libro.

Lo stile, ad esempio, mi è piaciuto davvero molto. Si capisce (come del resto si arguisce anche da ciò che l'autore dice di sé e del suo personaggio) che Baracani conosce ciò a cui si ispira e lo stile ne è fortemente influenzato. Per gli amanti dei "classici" intramontabili, non può esserci niente di meglio di qualcuno di contemporaneo che li omaggia scrivendo similmente a loro. Prima di tutto questo si abbina perfettamente al titolo del libro e alla sua struttura, e poi al giorno d'oggi è più innovativo scrivere "alla Boccaccio" piuttosto che in altri modi. 

All'interno di ogni novella la trama cambia totalmente, perciò mi è impossibile parlarvi specificatamente di ognuna di esse. Mi limiterò a dire che in generale ho ritenuto le idee dell'autore molto originali e divertenti e che penso possano piacere anche a tutti voi. Quella che ho preferito è Il racconto del futuro pedagogo, che narra del prode Giacomo e del marasmello. Quando lo leggerete, fatemi sapere anche voi cosa ne pensate!

I personaggi sono descritti inizialmente con una carrellata generale, mi è piaciuta la loro descrizione e l'ho trovata molto divertente, come del resto tutte le storie da loro narrate, però mi sarei aspettata una maggiore diversità di narrazione tra una storia e l'altra. All'inizio del libro, in realtà, si arguisce sin da subito che sarà un unico soggetto (l'autore) a raccontare le storie sentite narrare dai personaggi del libro e questo può tranquillamente spiegare il perché lo stile della narrazione sia sempre lo stesso. La struttura del libro, però, vede solitamente una piccola introduzione che induce poi un personaggio a parlare, perciò al lettore viene spontaneo considerare il racconto come qualcosa di scaturito dalla bocca di quel personaggio e, istintivamente, ci si accorge che tutte le novelle coincidono troppo, stilisticamente parlando, e che non si tratta di racconti fatti da persone diverse. Quella che sto indicando non è una problematica del libro ma è una finezza che avrei preferito ci fosse per rendere il libro ancora qualitativamente migliore, nonostante l'abbia molto apprezzato.

Il ritmo della lettura è molto veloce grazie allo stile che rimanda sì al classico ma è al contempo fresco e leggero (nonostante utilizzi anche parole più ricercate, come si confà al genere) e perciò il libro si legge in poco tempo.

Strutturalmente è ben costruito, avrei preferito però, che le descrizioni dei passeggeri tipo, scritte verso la fine del libro fossero anteposte nell'introduzione o comunque prima dell'inizio delle novelle. Così c'è un'interruzione semantica che stona un po', anche se ribadisco che le mie precisazioni sono solo migliorative perché il libro anche così è godibilissimo.

Ho visto che su amazon l'ebook di questo libro costa davvero poco (addirittura gratis con Kindle Unlimited), e davvero non posso che consigliarlo perché è divertente, ben fatto (nonostante qualche refuso che senza dubbio verrà corretto nel tempo dall'autore) e diverso da ciò che siamo abituati a leggere al giorno d'oggi.

Citazioni

Il mondo fuori può essere grande, meraviglioso o terribile, ma non importa: le cose usate, l'abitudine, ci tengono caldi e soli con il loro molle abbraccio e siamo tutti così, tutti anche qui sul treno che ci porta al suo destino giornaliero.

In questo campo soltanto esistono ancora contrasti e credo ne esisteranno per sempre, perché le religioni non smetteranno mai di parlare all'uomo tutto intero e non solo alla sua ragione e dunque in ogni tempo fegato e bile avranno da dire la loro in questo campo almeno quanto testa e cuore.

Sinossi ufficiale

Un piccolo gruppo di viaggiatori abituali decide di raccontarsi storie che spaziano da rielaborazioni di eventi reali a patchwork più o meno letterarie. Una serie di quattordici racconti con cornice verso cui chiedo a voi, o lettori, la massima clemenza

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.