" /> Emilio Seminci e i Giorni dell'Umanesimo - Leggo Quando Voglio

Emilio Seminci e i Giorni dell'Umanesimo

Di Tarek Komin
Voto: 8,5
Prima edizione: 2015
Numero di pagine: 520
Editore: Watson Edizioni
Consigliato: Si

Tags: Contemporaneo, Italiano, Emergente, Umoristico, Sociale
Amazon

Trama in breve

Emilio Seminci viene mandato dal suo datore di lavoro a Grama, durante i Giorni dell'Umanesimo, manifestazione molto sentita dai cittadini. Quello che doveva essere un viaggio "toccata e fuga" si trasforma ben presto in una prova vera e propria per il nostro protagonista, che vivrà un'esperienza significativa anche se inaspettata.

Dedica

Alla mì mamma

Incipit

La sveglia sul comodino di Amelio Bruttini strillò in anticipo, quella mattina, e il preside del liceo locale sbuffò come risposta incmprensibili parole di disappunto. Non erano certo in latino, la sua lingua preferita della quale vantava una minuziosa conoscenza e non erano nemmeno riconducibili al raffinato italiano che si costruiva tra i denti prima di sputarlo fuori alla prima occasione nella quale era necessario, a suo parere, fare bella figura.

Recensione

Emilio Seminci e i Giorni dell'Umanesimo è il secondo libro dell'autore Tarek Komin, ma solamente il primo che leggo. Come sempre delle semplici tag non possono raccontare l'essenza del libro perciò spero in questa recensione di rendere più chiaro il mio punto di vista.

Da Wikipedia: il Romanzo umoristico ha come principale caratteristica quella di descrivere la realtà enfatizzandone alcune parti, facendone una vera e propria parodia che ha lo scopo di divertire il lettore, ma anche di farlo riflettere su un determinato aspetto della realtà.

Personalmente ritengo che questo libro rientri perfettamente nella definizione; è molto divertente e ha lo scopo di mettere in mostra i comportamenti umani e sociali. Da qui anche la seconda definizione: sociale. 

La trama del libro è, infatti, surreale e verosimile allo stesso tempo. Le azioni svolte dai personaggi sono estremizzate ma assolutamente corrispondenti a ciò che ogni essere umano in fondo è o mostra di essere. L'idea mi è piaciuta molto perché l'ho trovata diversa ed originale. Lo svolgimento altrettanto buono in quanto a credibilità e completezza, niente è lasciato al caso e questo mi piace molto. Ho apprezzato anche il finale.

Il ritmo della mia lettura è stato piuttosto lento, in parte per via del formato che avevo, cosa che assolutamente non c'entra nulla con il libro ma, anche perché per quanto lo abbia apprezzato sin da subito, l'ho visto come un romanzo che va assaporato piano piano. Solamente verso la fine si rimane incollati alle pagine perché troppo curiosi di vedere cosa succede poi.

I personaggi sono il fiore all'occhiello di questo libro; ognuno di loro rappresenta qualcosa di realmente esistente nella nostra società, specialmente nelle realtà di paese che tutti conosciamo. Tutti loro hanno una diversa personalità, unica, così ben descritta da farci venire immediatamente in mente il vicino, la zia, il postino o chiunque altro abbia, per noi, quelle caratteristiche. Ricorderò, sicuramente, gran parte di questi personaggi a lungo, non per la loro particolarità, ma proprio per la loro umanità e verosimiglianza con le persone reali. Anche se non richiesto ammetto subito che il preferito in assoluto è stato Ciacoli, per cui ho avuto una simpatia istantanea e, per quanto sia meno approfondito rispetto ad altri, ho pensato di conoscere bene, perché molto simile a persone che realmente conosco. Ovviamente, invito tutti coloro che hanno letto il libro a scrivermi chi è stato il loro preferito, scommetto che il più votato sarà, indubbiamente Lino! 

Il protagonista, Emilio, mi è piaciuto meno e l'ho trovato meno interessante, ma questo è probabilmente dovuto al fatto che il suo ruolo nel libro è quello di osservare gli altri, per forza di cosa in questo modo la sua personalità è quella meno evidenziata. 

"Gli pareva che, con una certa ostentazione, tutti gli parlassero quasi per confidarsi, ma in realtà nessuno si prova, e da ogni discorso che aveva sentito, ogni sguardo che aveva spiato, da ogni parola di circostanza che ognuno si era scambiato con pesante leggerezza, Seminci poteva risolvere di non essere riuscito a conoscere nessuno, in quei due giorni a Grama."

Lo stile dell'autore mi è piaciuto molto anche se lo vedrei meglio abbinato ad un tipo di romanzo differente, in questo caso essendo la narrazione principalmente divertente, un linguaggio meno forbito penso avrebbe fatto meno notare al lettore la presenza dell'autore, facendolo entrare prima nella storia. Si tratta comunque di uno stile, oggettivamente, ottimo e quanto appena detto è frutto di un'opinione personale che potrebbe benissimo essere smentita da voi lettori.

La resa dell'ambientazione è incredibile, Grama viene conosciuta dal lettore in ogni suo angolo, ogni antro nascosto. Ci perdiamo con Emilio nelle sue stradine e vediamo ogni edificio, ogni rappresentazione, ogni persona come se avessimo tutto davanti ai nostri occhi. L'autore ha reso Grama una realtà, le immagini vivide che ne abbiamo, una volta terminato il libro ci fanno quasi pensare di averne visto una rappresentazione cinematografica.

Grama dormiva. I vicoli respiravano piano in quella quiete silenziosa, le case bisbigliavano appena la propria vita. Una sinfonia sommessa, flebile, di gorgoglii mesti, acqua nei tubi, ronzii di frigoriferi indifferenti, ticchettii di orologi da cucina, qualche cigolio di un letto.

L'atmosfera è ben resa anche se non trascinante. Si capisce in ogni momento quali sensazioni provano i personaggi e, soprattutto, il protagonista però per quanto siano assolutamente ben descritti, non sono entrata in empatia con i personaggi se non alla fine del romanzo. Un aspetto, quindi, assolutamente apprezzabile ma che pensa possa ulteriormente migliorare, viste le capacità dell'autore. Bellissima comunque la descrizione dei quartieri e del loro senso di appartenenza, un'idea molto intelligente ed interessante, sviluppata molto bene.

L'ironia, fondamentale per il genere e  assolutamente gradita quando è sapientemente distribuita come in questa storia. Dà quel tocco in più al romanzo, rendendolo gradevole ad ogni momento. Apprezzabilissima l'intelligenza dell'autore che riesce a renderti partecipe in ogni momento divertente, anche ripetendo frasi e situazioni sottolineandone la comicità.

Ho apprezzato molto anche il fatto che nella lettura vi sia anche un messaggio, intellegibile in molti momenti ma mai ostentato. Il cammino del protagonista è un percorso vero e proprio, fatto di mille ostacoli, ma che diventa non solo meno impervio ma anche gradevole quando si accorge della nascita del suo senso di appartenenza a Grama, paese visto come estraneo fino a quel momento.

Per la prima volta avvertiva che il suo ruolo, le sue mosse, come pure ogni singola azione, aveva un valore fondamentale

Si tratta di un romanzo davvero ben riuscito, sorprendente sotto molteplici punti di vista, pensando poi che si tratta solamente del secondo rlibro dello scrittore, sono davvero curiosa di vedere i suoi successivi lavori! Lo consiglio assolutamente a tutti perché è davvero valido e meritevole di essere letto!

Curiosità

Sono numerose le citazioni colte del romanzo, mi limito ad inserirvi in questo spazio due autori citati, con i link su Amazon.

Il sorriso di Angiolini era colmo di piacevoli dettagli, come un romanzo di Nabokov.

«Surreale!» commentò Emilio. «Mi ricorda un libro di Faulkner, Mentre Morivo, non so se...»

Citazioni

L'alba era ancora bagnata di pallidi sogni che tinteggiavano sui monti all'orizzonte favole incompiute.

Per comodità possiamo suddividere il genere umano in due categorie: gli uomini di pensiero e quelli d'azione. Di solito quelli di pensiero ordinano a quelli d'azione cosa fare, come e quando muoversi. In me, Ezio, non c'è distinzione. Io appartengo a quelle rare eccezioni che hanno in sé l'azione e il pensiero, entrambe le cose in un unico flusso organico, naturale

Una serie di eventi si erano frapposti tra i suoi occhi e il suo scopo primario, come vetrini di un microscopio, che dissolvevano il punto luce più appropriato su cui focalizzare l'attenzione.

Aveva la testa piena di altri, traboccanti pensieri, come un'ampolla stracolma di liquido denso pronto ad esondare al minimo movimento sbagliato.

Ciò che all'apparenza sembrava essere chiaro e lampante, a Grama, aveva bisogno ugualmente di un percorso purificatore per essere compreso. Un percorso spesso costruito su menzogne e doppiogiochismo, una recita eterna di cui nessuno degli attori sociali in gioco pareva stancarsi mai

Sinossi ufficiale

Emilio Seminci giunge a Grama per sottoscrivere un contratto con Sandro Ticchi, potente uomo d'affari, in modo da salvare il suo posto nella ditta del signor Appi. In quel periodo la città è però animata dai Giorni dell'Umanesimo, rievocazione storico-cittadina a base di sontuosi banchetti, velluti rinascimentali e combattimenti, in cui quattro rioni si trovano in competizione tra loro per aggiudicarsi il palio cittadino. Emilio viene suo malgrado coinvolto in questa costruita messinscena, ma scopre ben presto che la simulazione non si limita alle sole rievocazioni: resta infatti intrappolato nella fitta rete di relazioni sociali, di intrighi e alleanze inaspettate in cui il doppiogioco è la regola e la realtà spesso resta velata dall'apparenza.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.