La strategia dell'imperfezione

Di Antonio Cetrano
Voto: 7,5
Prima edizione: 2017
Numero di pagine: 293
Editore: Self Publishing
Consigliato: Si

Tags: Contemporaneo, Italiano, Sotto l'ombrellone, Thriller, Emergente
Amazon

Trama in breve

Il protagonista del romanzo, Roberto Follegot, ha deciso di chiudere la sua vita da hacker dopo una condanna ai lavori socialmente utili. Il destino, però, non è d'accordo in questa decisione e lo coinvolge mostrandogli una verità impossibile da ignorare.

Dedica

Alla mia famiglia

Incipit

L'uomo alla guida guardò l'orologio appena Werner uscì dallo stabile. «Trentacinque minuti signor Adelman. Resterò in contatto radio». Adelman fece un leggero cenno con la testa e scese dall'auto.

Recensione

La strategia dell'imperfezione di Antonio Cetrano è un thriller informatico che, da subito, appassiona alla lettura. Se ne leggono recensioni molto positive sulla pagina Amazon del libro e anche io l'ho apprezzato e letto in breve tempo.

Ogni volta che vi scrivo inizio la recensione vera e propria con ciò che più mi ha colpito nel romanzo e, in questo caso, la prima parola a venirmi in mente, nel mio piccolo brainstorming, è stata "Adelman". Adelman è un personaggio del romanzo, non ne è il protagonista e, sebbene abbia un ruolo attivo nella storia, l'introspezione psicologica è molto limitata, eppure, mi è rimasto talmente impresso da venirmi in mente come primissima cosa da scrivere. In generale, posso dire che i personaggi del romanzo non sono particolarmente interiorizzati, cosa piuttosto normale in un thriller, ma ritengo che siano comunque ben delineati e adeguati al genere. In più non posso che valutarli positivamente dato che uno, Adelman appunto, mi ha colpita particolarmente e, quando nella lettura c'era lui, mi interessavo ancora di più.

Non posso dire lo stesso del protagonista, che non è affatto reso male ma che non mi ha lasciato molto, cosa che invece ci si aspetta solitamente da questo ruolo. Non lo trovo un difetto del libro ma semplicemente un qualcosa in più che avrebbe trasferito maggiore empatia verso di lui rendendomi ancora più partecipe.

Nel romanzo non troviamo solamente scene di pura azione come spesso accade nei thriller, vi sono anche numerose riflessioni del protagonista sull'ingerenza del mondo informatico nella nostra vita e la conseguente diminuzione della nostra privacy, aspetto apprezzabilissimo che rende la lettura anche riflessiva oltre che interessante e lancia anche un messaggio per tutti noi, se abbiamo voglia di coglierlo. In più, essendo molto orientato verso la tecnologia non tutti i momenti importanti si estrinsecano in scene d'azione vecchio stile, bensì attraverso un ottimo utilizzo di computer e tecnologie. Nonostante gli aspetti appena elencati possano far pensare ad un rallentamento della lettura, ciò non succede, il ritmo è sempre molto veloce e si macinano pagine su pagine senza nemmeno accorgersene, quindi l'autore è riuscito a rendere interessante la lettura senza alcun escamotage, solamente basandosi sulla sua capacità di scrittura.

Lo stile dell'autore, infatti, aiuta molto in quanto appena detto; è semplice e diretto ma non povero di contenuti. Riesce a bilanciare azione e pensiero in maniera eccellente senza annoiare mai. Unica pecca verso il finale che si fa più serrato e, forse più sbrigativo, aspetto che da una parte capisco perché trattandosi della conclusione del libro è necessario crescere il ritmo per dare un buon andamento alla lettura, però, trovandolo già perfetto sotto questo punto di vista in precedenza avrei preferito rimanesse invariato anche sul finale. Quest'ultimo aspetto è ciò di cui mi lamento anche per molti dei miei scrittori preferiti (sì Stephen King sto parlando di te!) e quindi sono consapevole di essere molto pignola al riguardo. 

Ciò che mi ha stupito maggiormente è stata la capacità di Cetrano di riuscire in un primo libro come questo ad impostare una trama affatto semplice, rendendo lo svolgimento assolutamente credibile. Grazie al mio blog, infatti, sono venuta a contatto con molti libri di autori esordienti e so, grazie a questa mia piccola esperienza, che tendenzialmente evitano di inerpicarsi in trame troppo complesse onde evitare errori che l'inesperienza può generare. In questo caso, invece, il romanzo ha lo stesso livello di complessità che si può trovare in altri libri di genere similare e, personalmente, l'ho trovato molto ben costruito e attento.

L'atmosfera preponderante è quella di suspense generata dal mistero che si dipana lungo le pagine. Le sensazioni dei personaggi sono chiare perché ottimamente raccontate ma il lettore non partecipa attivamente alle loro emozioni. Probabilmente con un maggior approfondimento dei personaggi questa sensazione sarebbe stata più acuita su di me che, comunque, ho apprezzato la capacità dell'autore di farmi stare in tensione per vedere cosa sarebbe successo dopo.

Per quanto riguarda l'ambientazione; gli edifici e i luoghi in cui i personaggi si muovono e agiscono vengono sempre descritti sufficientemente dando la possibilità al lettore di comprendere bene ciò che succede ed immaginarsi ogni scena. D'altro canto non posso segnalarla come un pro perché, come è normale in un libro di questo genere, non è data una particolare importanza a quest'aspetto.

La strategia dell'imperfezione è un romanzo che mi ha catturata da subito e che rivela ottime potenzialità nel suo autore, Antonio Cetrano. Penso che sia un libro valido, specialmente nella prima parte e che possa piacere a molti di voi. Lo consiglio a tutti, anche se magari l'argomento informatico può disorientare un pubblico dall'età più avanzata ma anche senza conoscere bene l'argomento si possono comprendere tutti gli accadimenti ed apprezzare il libro nella sua totalità.

Citazioni

Ebbe la strana sensazione che il tempo si fosse fermato per un istante e qualcuno stesse scattando istantanee a ripetizione da diverse angolazioni.

Ora si sarebbe guardato alle spalle e si sarebbe mosso con molta cautela. Si era cacciato di nuovo in un bel casino e questa volta il buco sembrava particolarmente profondo.

È proprio questo il punto. Alle volte facciamo delle cose solo perché la prassi vuole che le cose siano fatte in quel modo, o perché pensiamo che nessuno sia interessato alla nostra vita, in pratica che nessuno ci spii. Se poi teniamo conto che molte volte utilizziamo degli strumenti senza chiederci da dove provengano e chi l'abbia messo in commercio, il gioco è fatto.

Il mondo stava cambiando, pensò, mentre le persone rimanevano sempre le stesse, inevitabilmente intrappolate nelle loro stessa gabbie. Uomini che fanno male ad altri uomini e a se stessi, quasi fosse un film che si ripeteva ciclicamente nel corso della storia.

Sinossi ufficiale

Una lettera.
Un codice.
Un segreto da scoprire.
Così Roberto Follegot, brillante laureando in Ingegneria Informatica si trova coinvolto in una intricata storia che si dipana tra il mondo reale e il mondo virtuale.
Qualcuno ha detto: non c’è cosa peggiore del talento sprecato. Ed è proprio il talento in campo informatico a rubare la vita del giovane ragazzo, che coinvolto da un suo vecchio amico, non riesce a sottrarsi al suo destino. Un destino già scritto che non lascia via di scampo, legato fatalmente alla vita delle persone che incontra.
Così si scopre che niente è come sembra e che le certezze sulle nuove tecnologie vacillano sotto la pressione di una vita che scorre ad una velocità fuori controllo.
Così si scopre che gli uomini che resistono sono vittime inconsapevoli di un disegno che non possono neanche immaginare.
Un disegno in cui la realtà supera di gran lunga la fantasia.
Un disegno in cui rinunciare a capire è il primo passo verso l’autodistruzione.
Il primo passo verso l'inferno.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.