Il racconto dell'ancella

Di Margaret Atwood
Titolo originale: The Handmaid's Tale
Voto: 4,5
Prima edizione: 1985
Numero di pagine: 398
Editore: Ponte alle Grazie
Consigliato: No

Tags: Canadese, Contemporaneo, Film/Telefilm, Distopico
Amazon

Trama in breve

Dilfred, la protagonista, vive in un mondo in cui le donne vengono considerate esclusivamente per la loro capacità di poter generare figli. Ognuna di loro ha un ruolo ben stabilito e la loro personalità non ha più alcuna importanza. 

Incipit

Si dormiva in quella che un tempo era la palestra. L'impiantito era di legno verniciato, con strisce e cerchi dipinti, per i giochi che vi si effettuavano in passato; i cerchi di ferro per il basket erano ancora appesi al muro, ma le reticelle erano scomparse.

Recensione

Questa sarà una delle recensioni più difficili mai scritte (da me) perché non riesco a spiegarmi perché questo libro non mi sia piaciuto essendo adorato da lettori di ogni genere; anche da persone con gusti molto vicini ai miei e delle quali mi "fido" ciecamente quando mi consigliano un romanzo.

La verità è che mi è davvero piaciuto poco, nonostante fossi predisposta ad amarlo alla follia e, nella recensione, non potrò fare a meno che farlo facilmente capire. Chi ha letto il libro e l'ho amato mi detesterà, perciò, preparate torce e forconi perché inizia la caccia alla strega! (Mi chiamerò Samantha mica per niente?)

Partiamo dalle ovvietà: Il racconto dell'ancella è un libro distopico e, come quasi tutti ormai saprete, si tratta del mio genere preferito, ciò implica che le mie aspettative siano tendenzialmente alte e che durante la lettura la mia mente lo paragoni alle innumerevoli letture già fatte in precedenza di libri di questo tipo. 

I libri distopici hanno aspetti fondamentali su cui non si può soprassedere (o almeno io non posso):

  1. Devono spiegare come è organizzato il mondo distopico in ogni minimo particolare, soprattutto dal punto di vista politico e sociale
  2. Devono analizzare profondamente come questo mondo distopico influisca negativamente sull'intera popolazione
  3. Devono spiegare il perché si è arrivati a quel punto, perché i libri distopici nascono come monito "se continua così questo aspetto allora finiremo in questo modo, e se non c'è causa scatenante difficilmente può esserci un monito)
  4. Tutti gli elementi precedenti devono essere coerenti, completi e coesi con la storia

Qual è il problema de Il racconto dell'ancella? Analizziamolo punto per punto.

  1. Non ci viene spiegato praticamente nulla dal punto di vista organizzativo generale, conosciamo solamente l'esistenza di Dilfred e poco più. Solo arrivati a metà romanzo comprendiamo qualcosa di concreto su come funzionano i ruoli dai lei descritti. È dispersivo, come se l'autrice scrivesse quello che le passava per la mente senza pensarci minimamente su. (approfondisco nella recensione con spoiler ma leggano solamente coloro che l'hanno già letto o non hanno intenzione di leggerlo)
  2. Nel primo quarto di libro questo aspetto viene ripetuto continuamente aggiungendo poco di nuovo ad ogni ripetizione. Viene considerato solo il punto di vista della protagonista sulla situazione che, non solo conosce ben poco dell'organizzazione vera e propria, ma si disinteressa totalmente del conoscerla. È interessata solamente alle conseguenze e alle rinunce insorte per lei, ciò non ci aiuta a conoscere la situazione globale, anche se si possono desumere stralci da ciò che la protagonista ci descrive. In ogni caso, l''aspetto sentimentale ed emotivo è lui su cui Dilfred si sofferma. non si fa altro che toccare questo punto. Seppure non venga mai e poi mai approfondito da un punto di vista diverso da quello sentimentale, perché è la protagonista il nostro punto di riferimento e lei non è affatto interessata al cambiamento sociale in sé ma solo a ciò a cui lei ha dovuto rinunciare. In tutto il resto del romanzo non troviamo altro che frasi che rimandano a quegli stessi concetti e che, perciò, non chiariscono niente di più. Ci è assolutamente possibile comprendere le conseguenze anche solo dai fatti, ma, per i miei gusti, un libro distopico buono deve dare maggiore rilevanza in questo aspetto sotto ogni punto di vista, non solamente quello emotivo.
  3. Qui non c'è alcun monito. Le cose sono successe talmente in fretta da apparire ridicole e poco credibili. Non si attiene a qualcosa che già succede nel nostro mondo perciò non c'è alcun insegnamento. Le spiegazioni date sono a malapena sufficienti per comprendere la dinamica, non vengono affatto spiegate in modo chiaro. La protagonista non si chiede mai perché, rimpiange solo il passato.
  4. Gli elementi non possono essere considerati coesi tra loro perché non c'è un rapporto di causa-effetto dal punto di vista oggettivo, semplicemente perché questo punto di vista manca quasi totalmente. Non c'è nemmeno molta coerenza perché si capisce che il cambiamento c'è stato da pochi anni, ma i personaggi agiscono come se fosse così da secoli. Sono tutti asserviti al sistema ma pare che nessuno lo accetti, almeno nei primi anni qualcuno che ci crede davvero ci deve pur essere, altrimenti com'è possibile che ciò sia successo? 

La trama mi ispirava tantissimo e aveva una potenzialità incredibile più volte ho ripetuto a me stessa che avrei tanto voluto che questo libro lo avesse scritto un altro autore.

Lo svolgimento ha rovinato la maggior parte delle sue potenzialità svelando troppo poco e non rendendolo nemmeno particolarmente credibile. Succede tutto molto lentamente, il punto di vista univoco tarpa le ali al lettore.

Detto ciò, con la mia pignoleria non voglio di certo sostenere che il libro sia spiacevole solamente perché non corrisponde alla mia idea di libro distopico perfetto. Vi sono però numerosi altri aspetti da considerare.

La protagonista è una donna senza alcuna volontà di agire. Si lascia trasportare dagli eventi come se fosse una barca nella tempesta, cercando solamente di rimanere a galla il più possibile. Non sceglie mai niente ed accetta tutto quello che le succede, pur lamentandosi per qualunque cosa le capiti. È una donna con cui mi è stato impossibile identificarmi ed una protagonista che non capisco. Non so come possa piacere ad un qualunque lettore, lamentandosi con se stessa ma senza mai e poi mai cercare di cambiare le cose. 

Gli altri personaggi vengono raccontati ma non approfonditi, questo perché è il punto di vista della protagonista a fare da narratore e lei non si sofferma affatto sulla loro interiorità, li vede con parecchio cinismo, cercando solamente di comprendere cosa può compiacerli per ottenere da loro qualcosa in cambio. Peccato, però, perché penso che ci sarebbe potuto essere tanto da dire.

Il messaggio mandato è l'unica cosa che davvero trovo positiva e, penso, che sia il motivo principale per cui questo romanzo è piaciuto davvero a così tanti lettori e, soprattutto, lettrici. Viene evidenziata una società in cui le donne sono solo oggetti e, anche se questo è un caso decisamente diverso da quello contemporaneo, tutti quanti riusciranno facilmente a trasporlo al mondo di oggi, con i femminicidi in continuo aumento. Questo messaggio, però, non viene affatto veicolato nella maniera giusta, lo si percepisce pienamente, questo è vero, ma la protagonista stessa non si interessa minimamente all'argomento.

L'ambientazione ha un doppio binario: le descrizioni di stanze, edifici e luoghi visitati dalla protagonista sono approfondite e dettagliate, mentre, la geografia del mondo nella sua totalità non viene minimamente menzionata, anche se si capisce che quella non è affatto l'unica realtà esistente. 

L'atmosfera c'è e, se non obnubilati dal resto, si può percepire. Il problema è che io ero piuttosto obnubilata dal resto lo ero ; mi era impossibile temere per la vita di Dilfred perché non la sopportavo; non ho empatizzato minimamente con lei e, purtroppo, essendo raccontato tutto dal suo punto di vista, non avevo nessun altro con cui entrare in empatia. Lei stessa reagisce con apatia ad ogni cosa che le succeda, non mostra nessun tipo di carattere, è veramente difficile emozionarsi anche davanti a cose terribili.

Lo stile è dispersivo, pesante, troppo legato alla protagonista per potermi piacere. Noi leggiamo direttamente ciò che Dilfred pensa e dice, le azioni sono poche e le riflessioni sempre le stesse. Inizialmente la forte connotazione psicologica è interessante perché è legata al messaggio, ma poi non si vorrebbe altro che azioni, cose che succedano e rendano lo svolgimento meno piatto, ma non veniamo accontentati spesso. L'ho trovato dispersivo, come spiego meglio nella recensione con spoiler e, se è tutto frutto di una scelta voluta (ma non credo) non la ritengo affatto una scelta saggia.

Non ho visionato l'omonima serie TV, ma quando lo farò vi scriverò anche di quella, sperando di poterla apprezzare decisamente di più.

Ho letto questo libro in una LDG nel Forum di StephenKing.it e non è stato complessivamente apprezzato se non da chi aveva già visto in precedenza il telefilm, non mi sento perciò matta (anche se molti di voi si stanno avvicinando con i forconi) a sconsigliarvi di leggerlo, perché non penso che il messaggio mandato basti a rendere gradevole tutto il complesso. Mi dispiace non esserlo riuscito ad apprezzare ma, purtroppo, temo che Margaret Atwood non faccia assolutamente per me.

Scrivetemi pure qui o in privato per spiegarmi il perché avrei dovuto apprezzarlo di più; per me ogni dialogo costruttivo è sempre e comunque utile e non ritengo la mia opinione una verità assoluta.

Recensione (con spoiler)

Completamento del punto 1: Il motivo per cui c'è questa sensazione di "dico quello che mi viene in mente" è sicuramente legato al fatto che, come si scopre alla fine, quella che leggevamo era una testimonianza orale registrata in delle cassette ritrovate poi più di un secondo più tardi. Si può, quindi, concepire la coerenza del racconto con ciò che viene detto alla fine, ma non rende certamente più piacevole e sicuramente più interessante la lettura perché, di fatto, viene raccontato solamente ciò che fa comodo all'autrice.

Un appunto in più sulla protagonista: quando ha l'opportunità di aiutare Mayday non lo fa perché sta bene così, si lamenta continuamente ma non è disposta ad fare qualcosa di attivo per modificarle. L'unica scelta che compie da sola è quella di intrecciare una storia di sesso e, forse, d'amore, con il Custode della casa, alimentando lo stereotipo sulle donne: la loro incapacità di vivere senza un uomo. Infatti, appena inizia questa storia, vive solo per quella, fregandosene di tutto il resto.

Nel nostro mondo di persone che non si meritano le fortune che hanno ce ne sono molte e, generalmente, a chi non è del gruppo queste persone non piacciono. Dilfred nel suo mondo non fa assolutamente nulla per Mayday, eppure, solo perché ha scelto di andare a letto con la persona giusta, viene "salvata" senza che lei ne abbia avuto la benché minima intenzione. Pensando di stare per morire ha reagito nello stesso modo in cui ha agito per tutto il romanzo: non facendo assolutamente nulla. Sarà anche la nostra protagonista ma viene da chiedersi: meritava di salvarsi proprio lei? La mia risposta è assolutamente no.

Citazioni

Sesso, solitudine, attesa di qualcosa senza forma né nome. Ricordo quello struggimento per qualcosa che stava sempre per succedere e non era mai la stessa cosa, come le mani che c'erano addosso lì per lì, nel piccolo spazio dietro la casa, o più in là nel parcheggio, o nella sala della televisione col sonoro abbassato e soltanto le immagini guizzanti sulla carne tesa. Ci struggevamo al pensiero del futuro. Come l'avevamo appresa, quella disposizione all'insaziabilità?

Null'altro avviene nel letto che il dormire; o il non dormire. Cerco di non pensare troppo. Al pari di altre cose, adesso, il pensiero dev'essere razionato. Ci sono pensieri che diventano intollerabili quando ci si sofferma troppo. Al pari di altre cose, adesso, il pensiero dev'essere razionato. Ci sono pensieri che diventano intollerabili quando ci si sofferma troppo. Il pensare può nuocere e io sono decisa a resistere. 

I giovani sono spesso i più pericolosi, i più fanatici, i più imprudenti con le armi. Non hanno avuto il tempo di imparare a vivere. Con loro si deve andare cauti.

Poi scopro che dopo tutto non mi vergogno. Mi piace il potere; il potere di stuzzicare un cane con un osso, un potere passivo ma reale. Spero che, guardandoci, venga loro voglia di fare l'amore con noi, e debbano strofinarsi contro le barriere verniciate, furtivamente.

Esiste più di un genere di libertà, diceva Zia Lydia. La libertà di e la libertà da. Nei tempi dell'anarchia, c'era la libertà di. Adesso viene data la libertà da. Non sottovalutatelo.

Sinossi ufficiale

In un mondo devastato dalle radiazioni atomiche, gli Stati Uniti sono divenuti uno Stato totalitario, basato sul controllo del corpo femminile. Difred, la donna che appartiene a Fred, ha solo un compito nella neonata Repubblica di Galaad: garantire una discendenza alla élite dominante. Il regime monoteocratico di questa società del futuro, infatti, è fondato sullo sfruttamento delle cosiddette ancelle, le uniche donne che dopo la catastrofe sono ancora in grado di procreare. Ma anche lo Stato più repressivo non riesce a schiacciare i desideri e da questo dipenderà la possibilità e, forse, il successo di una ribellione. Mito, metafora e storia si fondono per sferrare una satira energica contro i regimi totalitari. Ma non solo: c'è anche la volontà di colpire, con tagliente ironia, il cuore di una società meschinamente puritana che, dietro il paravento di tabù istituzionali, fonda la sua legge brutale sull'intreccio tra sessualità e politica. Quello che l'ancella racconta sta in un tempo di là da venire, ma interpella fortemente il presente.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.