Musical 80

Di Nicola Gervasini
Voto: 8,5
Prima edizione: 2017
Numero di pagine: 202
Editore: WLM Edizioni
Consigliato: Si

Tags: Contemporaneo, Italiano, Sotto l'ombrellone, Noir
Amazon

Trama in breve

Il commissario Paolo Manfredi, protagonista del romanzo, si trova davanti al caso più importante della sua carriera: l'omicidio di Zara Blacks. Un eroe atipico, un omicidio irrisolto e la musica e i costumi degli anni ottanta: cosa chiedere di più?

Incipit

La foto proveniva dal set promozionale per Ghiaccio Bollente.

Lei appariva seduta, coperta solo da una camicetta bianca, semitrasparente.

Recensione

"Anche gli anni ottanta che andarono in scena quella sera lo confermarono: fu un decennio che parlò tantissimo, disse tutto, disse troppo, e forse, con un po' di silenzio, avrebbe detto molto di più"

WLM Edizioni non mi ha mai delusa, ho letto ormai molto libri di questo editore e non mi sono mai imbattuta in qualcosa che non mi piacesse e,  Musical 80, va di diritto nella mia top 3!

Si tratta del primo libro che leggo dell'autore Nicola Gervasini, quindi non sapevo assolutamente cosa aspettarmi perché come sempre non leggo le sinossi per non anticiparmi nulla e, sicuramente il titolo non mi rievocava ricordi particolari dato che io, a causa dell'età, gli anni ottanta non li ho affatto vissuti.

Il libro, in realtà, non è ascrivibile ad un unico genere.

È certamente un noir; c'è un omicidio ed il narratore, nonché il protagonista, è il poliziotto chiamato a trovare e ad arrestare il colpevole.

 

C'è, però, anche qualcosa di più. Prima di tutto il protagonista è piuttosto atipico come poliziotto; non si crede particolarmente dotato nel suo lavoro ed il sogno della sua vita è quello di diventare uno scrittore di successo. La sua simpatia è dirompente e la sua storia personale mette spesso in secondo piano l'interesse per la storia.

"Quando mi sono innamorato di lei? È successo almeno sei o sette volte penso. Dovrei tenere il conto di certe cose, ma avere un diario della mia vita significherebbe poi doverla anche pesare, misurare, quantificare. E io non ho nessuna intenzione di rinunciare alle doverose mistificazioni che si rendono necessarie ogni qualvolta ripensiamo agli episodi salienti della nostra esistenza."

infine, ma sicuramente non meno importante, Musical 80 è un riflessione su quegli anni e il loro ruolo all'interno della vita dei personaggi e, dunque, anche di ognuno di noi, o di voi se vogliamo escludere chi è troppo giovane per averli vissuti veramente. Come deduciamo anche dalla sinossi questo decennio è facilmente associabile alla superficialità e all'apparenza, sarà anche l'interpretazione dell'autore? Non vi resta che leggerlo per capirlo!

Io conoscevo davvero poco e, devo dire la verità, non mi sono mai interessata a questo particolare periodo decisamente troppo vicino per avermi attirato dal punto di vista storico ma anche troppo lontano per averne sentito parlare. Io sono nata nel 1990 e per me gli stessi anni 90 sono piuttosto nebulosi perché non ho ricordi legati alla prima metà di questo decennio, gli anni ottanta sono sempre stati là, a portata di mano ma non abbastanza interessanti per spingermi a conoscerli. L'autore è riuscito sia a spiegarmeli nei loro tratti principali e più "generalizzati" che a farmi capire ciò che di più importante c'è l'atmosfera del periodo. Lo ritengo, perciò, anche molto utile sia per chi come me è totalmente ignorante in materia, sia per chi desidera un revival di ciò che è stato. Come avrei voluto farlo leggere a mio babbo, sono sicurissima che gli sarebbe davvero piaciuto!

"Qualsiasi cosa sognasse, caro commissario, lo sognava in grande. Perché i tempi glielo permettevano. E non era il sogno a essersi rivelato troppo grande. Eravamo noi che eravamo troppo piccoli."

Trattandosi di un romanzo con tanti elementi (noir, protagonista egocentrico e forte importanza degli anni 80) non si capisce da subito in che modo si svilupperà la trama e non si sa cosa aspettarsi. Lo svolgimento, però, ci mostra subito la capacità dell'autore di dipanare ogni matassa senza farci confondere. Non c'è stato alcun momento in cui, durante la lettura, io abbia desiderato leggere qualcos'altro: quando si andava avanti con la trama noir mi interessava vedere cosa succedeva, quando il protagonista ci raccontava tramite flashback episodi passati della sua vita dimenticavo totalmente l'omicidio irrisolto e ogni volta che si parlava degli anni 80 prendevo appunti su appunti per non dimenticarmi assolutamente nulla. 

"Ve l'ho detto che avrei voluto diventare uno scrittore? Sì, ve l'ho detto. Ma voi avete pensato bene di dimenticare il particolare. Siete interessati solo a sapere chi è l'assassino, voi, mica alle mie paturnie. Magari state saltando pure le parti in cui mi lascio andare ai ricordi per arrivare al punto."

Lo stile dell'autore mi è piaciuto moltissimo. La narrazione è sempre simpatica e scorrevole grazie alla scelta di far raccontare tutto direttamente dalla voce del protagonista, dandoci l'impressione di parlare direttamente con l'autore del romanzo, quasi fosse autobiografico, rendendo la lettura molto intrigante. Il punto di vista è intelligente e brillante anche se non molto politically correct (ed è giusto che sia così), e l'ho apprezzato tantissimo, nonostante la sua forte connotazione maschile che mi ha impedito per ovvi motivi di immedesimarmi con il protagonista. 

"Ora, dopo quell'esperienza, ne ho la certezza: se la storia umana fosse stata scritta dalle donne, i trattati non sarebbero esistiti. La guerra dei trent'anni, ad esempio, sarebbe stata la guerra dei trenta bisticci. Trenta piccole guerre, cruentissime e feroci, ma di breve durata, a cui avrebbe fatto seguito almeno cinque secoli di odi e amori, cattiverie e tenerezze, perdoni e maledizioni, pianti e sorrisi. Sarebbe stato tutto più umano insomma, tutto più femminile."

Il ritmo di narrazione non è né lento né veloce perché l'autore si prende le giuste pause tra una scena d'azione e l'altra. In compenso il mio ritmo di lettura è stato, invece, velocissimo perché ho veramente apprezzato ogni singola riga, e mi sono dovuta forzare per non finirlo in un giorno solo. (Il perché non lo dovessi finire in un giorno solo è talmente machiavellico da indurmi a tacervelo, rimarrà un mistero tra me, il libro e coloro che conoscono il mio essere perfettina!)

"Ogni sera lo osservavo inerte dalla mia poltrona, e ogni volta decidevo che la distanza tra me e il lavello non rendeva l'impresa di lavare quel bicchiere degna di contenta fatica. Osservavo così l'agonia si quel gusto ucciso dall'aria senza alcuna pietà, decidendo che il destino di quella grappa non sarebbe stato finire nella mia pancia, e nemmeno nel tubo del lavandino, ma semplicemente perire sbiadita in quella tomba di vetro."

I personaggi sono, ovviamente, meno importanti del protagonista ma vengono comunque ben descritti. Mi è piaciuta tantissimo la lotta allo stereotipo del protagonista; ogni volta che ci descrive qualcosa o qualcuno l'uomo cerca di non incorrere in stereotipi che, in un modo o nell'altro, riescono sempre ad entrare anche nella terminologia e nei pensieri persino degli uomini più attenti. Anche solo le descrizioni dei personaggi potrebbero essere frammenti sufficientemente interessanti per poter apprezzare questo libro, non ve li ho inseriti nelle citazioni solo perché non volevo rovinarvi la sorpresa.

"Io invece quel giorno vidi cosa voleva dire essere una donna nelle mani di un uomo. Cosa voleva dire essere convinta di essere una miracolata di quel bastardo, invece che una povera sfruttata. Io quel giorno decisi che non volevo essere quel tipo di donna."

L'ambientazione non ha un ruolo fondamentale nelle vicende è comunque sempre presente e ben chiara. 

Tra tutti i libri che recensisco sono molti quelli che consiglio ma pochissimi quelli che sono così belli da indurmi ad insistere con gli amici perché li acquistino. In questo caso è successo e sono sicura che se lo leggeranno (non l'avete comprato? correte subito ad acquistarlo su Amazon!!) lo potranno solamente apprezzare, perciò, come è ovvio, non posso che consigliarlo anche a voi! Compratelo per voi e anche come regalo se volete essere sicuri di regalare qualcosa che l'interessato ancora non ha ma che apprezzerà di certo! Credetemi, ci sono tante perle tra gli editori meno noti e aspettano solo di essere trovate!

Non vi ho ancora convinti? Leggete qualche citazione e capirete subito perché vale la pena di acquistare questo libro!

Curiosità

Nel libro vengono citati due libri di Heinrich Böll:

Opinioni di un Clown (Link per acquistarlo su Amazonlibro che ho letto e che mi è piaciuto molto e

Foto di Gruppo con Signora ((Link per acquistarlo su Amazon) che, invece, non conoscevo ma di cui mi sono fatta un'idea piuttosto precisa grazie ai pensieri del protagonista.

Viene anche citato Steinbeck. Qui trovate le mie recensioni dell'autore.

Infine, viene citato anche Guccini.

Citazioni

Eppure non conosco nessuno che mi abbia mai chiesto "ma come fai a vivere con una così?" Perché per tutti, come per me, era stato sempre palese che togliermela sarebbe stato come lasciare andare una barca alla deriva senza motore, vele e timoniere.

Ci doveva essere sempre qualcosa da fare in casa mia, altrimenti sarei rimasto senza ansie con cui convivere.

Amaro! Come diavolo si fa a bere il caffè amaro a sedici anni?! Bisogna avere una coscienza si sé già sviluppata per una scelta così drastica. Sono decisioni che si prendono dopo anni di guerre di personalità e forzata educazione del gusto. A sedici anni le cose devono essere dolci, grasse, esagerate. E facili.

Il solito inaffidabile avrebbe detto Roberta, e non aveva mai capito che poi io lo ero veramente solo per darle ragione. Quanto amore sprecato!

Il 99% delle nostre azioni nasce come reazione superficiale e per nulla accorta e approfondita a situazioni di cui non possiamo avere la giusta chiave di lettura se non a posteriori.

Compiacere. Questa era la mia vera arte. Non sembrare mai qualcosa di diverso da quello che qualcuno si aspetta da me. O, perlomeno, che io penso che lui si aspetti da me. In ogni caso il compiacere tutti era un'arte difficile, che richiedeva equilibrismi mentali non indifferenti.

Se le donne scegliessero la posizione dei mobili del salotto con la stessa celerità con cui iniziano una relazione quando vedono il maschio imbranato e inconcludente, probabilmente esisterebbero molti meno mariti con il mal di schiena.

Non so se riuscite anche solo per un attimo a immaginare la fatica che fa un uomo nel tentativo di sembrare sempre sincero con la propria donna. Probabilmente è un nostro atavico bisogno di non destare mai sospetti, anche quando non c'è nulla da nascondere.

Ci sono cose del nostro passato che siamo disposti a perdonarci solo se non dobbiamo renderne conto a nessuno. 

Dopo soli tre mesi dovetti capitolare, logorato da quotidiano chiedermi perché diavolo l'umanità si è presa l'incomodo di inventarsi una lingua se poi permettiamo alle donne di usarla come e quando pare a loro.

Ogni tanto si ha bisogno di far incazzare qualcuno, aiuta nella lotta al colesterolo alto.

— La differenza tra i congiuntivi di uno scrittore già edito e quelli di uno ancora solo aspirante è solo che il primo dispone di un editor che glieli corregge.

Sinossi ufficiale

Anni 80: gli anni delle musica di plastica, delle attrici maggiorate nei film soft-erotici, degli splatter, dei politici pronti ad arraffare tutto prima del terremoto di Mani Pulite e della crisi economica degli anni novanta. Anni visti con sospetto da tutti, ma non dal commissario Paolo Manfredi, costretto a rovistare nella vera essenza di quel decennio per risolvere il suo primo caso di omicidio. Al Teatro Sanzio si sta allestendo Musical 80, opera su musica e costumi dei tempi, quando una delle attrici viene trovata morta nel suo appartamento di Fossombrone. Manfredi intraprende così un viaggio nella vita di una ex attricetta nota con il nome di Zara Blacks. Un percorso che da Urbino e i suoi vicoli arriva fino ai salotti dei politici romani e alle mura della Rocca di San Leo. Svogliato, superficiale, non sempre politically correct, e con un evidente conflitto da risolvere con il mondo femminile, Manfredi, originario di Varese, è un uomo che vive con il rimpianto di una carriera di scrittore mai veramente tentata, un matrimonio appena fallito, e un quotidiano impegno a non cadere negli stereotipi. Gli stessi che da tempo condizionano la visione di un decennio che forse non fu poi così frivolo e scanzonato.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.