La chiamata dei tre (La Torre Nera Vol. 2)

Di Stephen King
Titolo originale: The Drawing of the Three
Voto: 8,5
Prima edizione: 1987
Numero di pagine: 472
Editore: Sperling & Kupfer
Consigliato: Si

Tags: Contemporaneo, Film/Telefilm, Statunitense, Fantasy, Sotto l'ombrellone, Serie/Saga, Western
Amazon

Trama in breve

Roland è solo; ma ancora per poco. La chiamata dei tre avverrà in questo libro e, da quel momento, il suo cammino cambierà totalmente.

Dedica

A Don Grant che su questi romanzi ci ha scommesso uno dopo l'altro.

Incipit

Il pistolero si destò da un sogno confuso dominato da un'unica immagine, quella del Mazzo di Tarocchi con il quale l'uomo in nero gli aveva predetto (non si sa quanto onestamente) l'amaro destino.

Recensione

Se hai sacrificato il cuore per la Torre, Roland, hai già perso. Una creatura senza cuore è una creatura senza amore e una creatura senza amore è una bestia.

La chiamata dei tre è il secondo libro della serie La Torre Nera di Stephen King. Come già sapete, io ho letto tutto ciò che King ha scritto e, in questo caso, ho iniziato a rileggere la serie per l'uscita del film che, guarda caso, esce proprio oggi 10 Agosto 2017.

Ho deciso dopo aver scoperto cos'è in realtà il film (una trovata commerciale che ha ben poco a che vedere con la vera storia della serie) di non visionarlo ma di continuare a leggere, con calma, ogni libro di questa bellissima saga.

Fatemi un piacere personale: se non avete letto i libri NON andate a vedere il film, quella non è la Torre Nera e l'opera di King non è quello che vedrete lì rappresentato. 

Qui potete trovare la recensione del primo libro: L'ultimo cavaliere.

La chiamata dei tre alla prima lettura è stato il mio volume preferito insieme a I lupi del Calla e, anche questa volta, l'ho apprezzato molto. Finalmente si capisce qualcosa di quello che c'è stato raccontato nello scorso libro e incontriamo due nuovi personaggi fondamentali nella serie.

Lo stile di King mi piace, ormai nel tempo si è modificato e non è più questo ma io, in qualunque fase della sua vita di scrittore, l'ho sempre apprezzato. King riesce ad esprimere i concetti con un'efficacia incredibile, sull'efficienza, invece, in molti sono in dubbio, ma io non condivido nemmeno questo pensiero. C'è chi sostiene, infatti, che King si dilunghi troppo in certe spiegazioni o introspezioni, io invece lo amo anche per questo e, infatti, nei libri in cui questo aspetto è meno evidente ho fatto più fatica ad entrare nella storia e, sicuramente, nella mia Top Ten di King si possono trovare solamente libri che si dilungano su determinati aspetti.

La capacità dell'autore di rendere i personaggi è unica. Questo non significa che sia il più bravo o che riesca solo lui, ma,  ogni personaggio da lui inventato ha un'impronta Kinghiana straordinaria, ti entra in testa e non se ne va più. Gli amanti della Torre Nera sanno di cosa sto parlando, i suoi personaggi per un Fedele Lettore rimangono incisi nella mente, come se li avessimo conosciuti molto tempo prima e non fossimo mai riusciti a dimenticarli. Anche ciò che non è umano è ben caratterizzato; le aramostre con i loro Didacevi? Dicono molto di più di quanto facciano i personaggi di moltissimi altri romanzi di autori altrettanto famosi. 

Due di loro corrono goffamente verso il gabbiano morto. La vincitrice della gara vi si avventa sopra, lo squarcia, e comincia a riempirsi le fauci dei suoi resti putrescenti. «Dedaceri?» domanda. «Didarami?» risponde la seconda

Molto belli anche i dialoghi, sono incisivi e ti fanno capire molto delle personalità di ogni personaggio senza dover leggere lunghe descrizioni. 

La trama di questo libro è molto bella anche se, con il senno di poi, la potremmo definire ancora introduttiva.

Il Pistolero Roland non è destinato a percorrere il cammino per la Torre da solo e in questo romanzo si scopre chi lo accompagnerà. È sempre bello vedere come il gruppo si riunisca ma, ancora di più, notare ogni piccolo particolare dello svolgimento. La scrittura di King è fatta di particolari, piccoli aspetti insignificanti agli occhi di quasi tutti che, però, si riuniscono perfettamente come in un puzzle se messi tutti assieme. Chi leggerà il libro per la prima volta potrà solamente notare gli aspetti più evidenti, ma per chi sa già cosa succederà dopo, tutto ha un sapore ancora più magico. Le riletture hanno sempre senso, nel caso di serie come questa, sono quasi d'obbligo per poterle comprendere ancora di più.

In un libro fantasy (definiamolo così, anche se a parte l'elemento fantastico ha ben poco da spartire con il genere) la credibilità non è data da quanto il racconto si avvicini alla realtà, bensì dalla coerenza intrinseca della storia. King in questo è perfetto. Ogni singolo gesto, ogni frase, ogni parola.. tutto è spiegato dalle azioni, niente è di difficile comprensione. In più riesce a farlo senza darti la sensazione del "sto scrivendo questo per giustificare quest'altro" capacità che solo gli scrittori più esperti hanno. La sua bravura nello farmi credere in tutto ciò che scrive, come se potesse succedere veramente, è uno degli aspetti che apprezzo di più di questo grande scrittore che, come sapete, è anche uno dei miei preferiti. 

L'ambientazione è resa benissimo, si capisce chiaramente tutto ciò che circonda i personaggi e lo si vede anche. In una saga che si rispetti questo elemento è fondamentale; ci permette di entrare nel mondo descritto e dimenticare che sia tutto una finzione letteraria. Vediamo l'acqua, le armi, la sabbia.. tutto è davanti a noi. Probabilmente il film della nostra mente è molto più preciso di quanto mai potrebbe esserlo una trasposizione cinematografica. Ed il bello è che questo è solo l'inizio, e io non vedo l'ora di andare avanti!

Dunque quella spiaggia che era sembrata sconfinata stava per manifestare loro i suoi limiti. Prima o poi quelle colline ne avrebbero semplicemente decretato la fine soffocando del tutto lo spazio disponibile tra l'entroterra e il mare. Le butterate alture sarebbero marciate giù fino al bagnasciuga e da lì nei flutti, a dar vita forse prima a un capo o una penisola e poi a un arcipelago

Il ritmo di lettura è veloce ma disuguale. Già alla prima lettura ricordo di aver apprezzato tantissimo il romanzo ma di aver decisamente rallentato in un preciso momento (circa a metà del libro) e, anche questa volta è successa la stessa cosa. Non posso entrare nel merito senza anticiparvi qualcosa perciò sono costretta ad essere vaga ma, penso che la diversità di argomenti trattati in quel particolare punto, renda la lettura meno fluida.

Non commettere l'errore di mettere il tuo cuore vicino alla sua mano.

L'atmosfera del libro si percepisce perfettamente, specie nei momenti più tesi, mi è piaciuta molto e mi ha fatto entrare in maniera definitiva dentro la serie. So che poi tutto si farà ancora più solenne ed importante e non vedo l'ora. Nella mia "carriera" da lettrice ho letto tantissimi thriller eppure questo romanzo mi ha trascinata nella suspense (pur avendolo già letto) molto di più di libri scritti appositamente con quel fine.

Sarà meglio che questa volta non faccia cilecca, pensò Roland armando nuovamente il cane. Sotto il chiasso dei gabbiani, udì lo scatto ben lubrificato del tamburo che ruotava.

La chiamata dei tre è un bellissimo libro che si può apprezzare anche letto singolarmente ma, io, non consiglierei mai al mondo di leggere un libro di una serie in maniera autonoma e, quindi, non lo farò nemmeno per questo. Io vi consiglio l'intera saga, con il primo faticherete ad andare avanti, fate uno sforzo e finitelo. Poi, leggete questo e, se non vi piacerà, allora abbondatetela.

Se La chiamata dei tre non vi piacerà, non siete pronti ad affrontare il cammino per la Torre. Aspettate anche voi la Chiamata e, quando sarà il momento, riuscirete a godervela veramente. 

Trama completa (con spoiler)

Roland si risveglia su una spiaggia; è debole e stordito. Un mostro simile ad un'aragosta gli si avvicina e riesce a mangiargli due dita della mano destra. Da quel momento un'infezione prende il sopravvento sul suo corpo. È, ormai quasi morto quando arriva ad una porta magica. Aprendola Roland entra nella testa di Eddie Dean, il primo chiamato.

Eddie è un drogato, è su un aereo con della droga attaccata in tutto il corpo, teme di essere sorpreso alla Dogana. Le Hostess si accorgono di ciò che Eddie nasconde ma Roland, comprendendo la grande importante dell'uomo per il suo cammino vero la Torre, lo aiuta facendogli sapere della sua presenza.

Eddie entra provvisoriamente nel mondo di Roland dove, grazie al coltello affilato del pistolero, riesce a staccarsi tutta la droga dal corpo. Quando i controllori della dogana lo interrogano e non trovano nulla non riescono a capacitarsi di ciò che è successo, alla fine sono costretti a lasciarlo andare.

Balazar, l'uomo che aveva incaricato Eddie di svolgere quel compito, capisce che è successo qualcosa di strano e decide di scoprire cosa sì è inventato per riuscire a nascondere la droga.

Quando Eddie viene portato davanti a Balazar l'unico suo desiderio è quello di fuggire insieme a suo fratello Henry, tenuto prigioniero dagli uomini dello spacciatore. Mentre Eddie sta cercando di recuperare la droga, però, scopre della morte del fratello e, insieme a Roland (che compare nel mondo di Eddie) inizia una sparatoria con gli uomini "cattivi".

I due vincono ma Eddie è sopraffatto dal dolore per il fratello. Roland sa che il suo vero corpo (rimasto nel suo mondo) morirà senza Eddie e lo convince ad andare via con lui.

Dean si pente ben presto della decisione presa perché la crisi di astinenza lo fa stare davvero male e, nel mondo di Roland, è impossibile reperire ciò di cui ha bisogno. Decide di aiutare il pistolero fino al raggiungimento della seconda porta, e poi, di entrare con lui nell'altro mondo e ricominciare ad assumere droga.

Quando si trovano davanti alla porta Roland non teme davvero l'ira di Eddie e lo costringe a stare nel suo mondo mentre lui entra nella testa della seconda Chiamata: Odetta.

Odetta è nera, è su una sedia a rotelle e, soprattutto, è schizofrenica. Dentro di lei vivono due donne: una dolce e gentile che è la vera sé stessa e l'altra, che si fa chiamare Detta, volgare e cattiva. Odetta viene immediatamente portata nel mondo di Roland e, quindi, il pistolero non fa in tempo ad arguire esattamente ciò che ha percepito nella mente della donna. Capisce, però, che può essere pericolosa e mette anche in guardia Eddie.

Eddie da parte sua, ascolta ciò che gli dice Roland ma si fa trascinare moto di più dalle sue sensazioni: Odetta è bella e gentile e lui si sente già pronto ad innamorarsene. Durante la notte Odetta si sveglia come Detta e la donna cade immediatamente in una trappola lasciatele da Roland, smascherando la sua vera natura malvagia. I giorni seguenti i tre continuano il loro cammino con molte difficoltà: l'infezione di Roland è tornata e lui necessita nuovamente delle medicine prese nel mondo di Eddie e Detta crea difficoltà su difficoltà per rallentare il loro cammino.

Dopo molti giorno, finalmente, ritorna Odetta e le difficoltà si fanno meno aspre ma, arriva il momento in cui il pistolero, non riesce più a proseguire a causa della malattia. Si rifugia in un luogo sicuro e fa andare avanti i suoi compagni.

Eddie e Odetta si legano ancora di più e iniziano una relazione durante il tragitto e, quando arrivano alla terza porta, Eddie consapevole di doverla lasciare per tornare a prendere Roland con la sedia a rotelle, non riesce a seguire il consiglio del pistolero e le lascia la sua pistola. 

Quando Roland ed Eddie arrivano, finalmente, alla terza porta, non trovano più Odetta. Detta ha preso il sopravvento e si è nascosta, pronta ad uccidere i due uomini. Roland attraverso la porta ed entra nella mente di Jack Mort, uomo orribile che avrà a che fare con l'uccisione di Jake e che, in passato, ha rovinato la vita di Odetta ben due volte: una volta quando era bambina le ha tirato un mattone in testa (procurandole, probabilmente, la schizofrenia di cui soffre ora) e, successivamente, l'ha spinta sotto un treno causandole la perdita delle gambe. Roland si impossessa di lui e capisce che, in quel caso, la Chiamata non è per Jack Mort ma qualcos'altro di più profondo. Grazie al corpo dell'uomo Roland recupera le medicine che gli servono e dei proiettili, poi decide di uccidere l'uomo gettandosi sotto un treno ed uscendone prima della morte.

Nel frattempo, dall'altro lato della porta, Eddie è stato fatto prigioniero da Detta che ha deciso di non ucciderlo ma di metterlo vicino all'acqua alla mercé delle aramostre. La donna aspetta che Roland torni per poi ucciderlo e scappare attraverso la porta. Quando il pistolero torna però, lo fa girandosi verso la porta, facendo in modo di fare a vedere a Detta l'immagine di sé stessa. In questo modo Detta e Odetta si vedono e diventano un'unica persona. La terza chiamata, insomma, era per Susannah, la donna che nasce dalla somma della personalità di Detta e quella di Odetta: gentile ma determinata e pronta a tutto.

Sinossi ufficiale

"La chiamata dei tre" riprende la narrazione delle gesta di Roland, l'eroe solitario deciso a raggiungere la misteriosa Torre. Nel loro definitivo confronto-scontro l'uomo in nero aveva predetto la sorte a Roland con uno strano mazzo di tarocchi. Ora il pistolero si ritrova seduto su una spiaggia del Mare Occidentale, dopo un sonno che forse è durato anni. Sa che dovrà trovare le tre porte spazio-temporali per introdursi nel nostro mondo e raggiungere così i tre predestinati. Ma come individuarle? Mentre medita sul da farsi, mostruose creature emergono dalle acque e tentano di divorarlo, mutilandolo orrendamente.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.