La colonna di fuoco

Di Ken Follett
Titolo originale: A Column of fire
Voto: 8,5
Prima edizione: 2017
Numero di pagine: 903
Editore: Mondadori
Consigliato: Si

Tags: Storico, Contemporaneo, Inglese
Amazon

Trama in breve

La Storia del mondo tra il 1558 e il 1620. La Cattedrale di Kingsbridge presenzia alle vita della nuova generazione dei suoi abitanti; amori, liti, tradimenti, commercio e alleanze fanno da sfondo alla vicenda. Politica e Religione i due grandi pilastri che reggono il mondo narrato.

Dedica

A Emanuele: quarantanove anni di sole

Incipit

Lo impiccammo davanti alla cattedrale di Kingsbridge. È il luogo dove si tengono di solito le esecuzioni. Dopotutto, se non si può uccidere un uomo di fronte a Dio, probabilmente non lo si potrebbe uccidere affatto.

Recensione

Le persone nascevano e morivano, le città prosperavano e tramontavano, le guerre cominciavano e finivano, ma la cattedrale di Kingsbridge sarebbe rimasta fino al giorno del giudizio.

La colonna di fuoco è il nuovo libro di Ken Follett. Terzo libro della Trilogia di Kingsbridge dopo I pilastri della Terra e Mondo senza fine, è ambientato negli anni tra il 1558 e il 1620.

Ken Follett è stato uno dei miei primi amori ed è uno dei pochissimi autori di cui non solo ho già tutti i libri pubblicati in Italia ma li ho anche già letti tutti, alcuni più di una volta. Quando esce un nuovo libro di questo scrittore io lo acquisto subito, a meno che non mi venga regalato, come in questo caso.

La trilogia di Kingsbridge è una serie atipica perché, i romanzi possono essere considerati completamente autoconclusivi e, quindi, si possono leggere anche in maniera sé stante. Personalmente non lo farei mai e, perciò, non ve lo consiglio, perché, nonostante si possa capire tutto, penso che conoscere ciò che è successo prima nella città, aiuti ad apprezzare di più il dopo. Il primo libro della Trilogia, I pilastri della terra, è uscito ormai parecchio tempo fa e, anche la mia lettura, è piuttosto datata. Da allora i miei gusti sono cambiati, in buona parte si sono affinati e, per forza di cosa, ad oggi il mio gradimento di questo libro non corrisponde a quello che è stato il mio apprezzamento dei primi due volumi. 
Premetto questo perché, proprio perché sono una fan di vecchia data dell'autore, mi riuscirà impossibile non essere ipercritica al riguardo; ormai conosco tutto di lui, sia gli enormi pregi che i clamorosi difetti. Sarò, perciò, più critica del previsto, non perché il romanzo non mi sia piaciuto, lo vedete dal voto e dal fatto che lo consiglio che non è così, ma perché voglio scrivervi, come sempre, il parere più completo possibile sull'opera.

Uno degli enormi pregi di Follett è, senza dubbio, la sua capacità di raccontarci la Storia. L'autore riesce non solo a farci immedesimare negli usi e costumi di un'epoca così lontana dalla nostra ma ci racconta anche gli elementi fondamentali degli accadimenti, facendoceli provare in prima persona. Ciò che leggiamo in questi libri è reale, comprendiamo tutte le cause di ogni decisione storica e, successivamente, anche le loro conseguenze ci appaiono chiare. Non sono nomi e numeri asettici letti e da imparare a memoria, bensì vite, sogni, progetti, idealismi. Per questo motivo ritengo ogni romanzo storico di Follett, La colonna di fuoco compresa, particolarmente valido dal punto di vista dell'utilità. Trovo che si impari molto di più su un'epoca, da romanzi di questo genere piuttosto che dal libro di testo scolastico.

Questo aspetto influisce particolarmente sulla gradevolezza della trama. Quest'ultima può essere giudicata su due piani: quello storico e quello inventato.
Del punto di vista storico vi ho già parlato e, perciò, sarò breve: Follett riesce tramite vari escamotage a farci partecipare attivamente ad ogni accadimento fondamentale della storia, non facendoci perdere praticamente nulla e dandoci la possibilità di vedere ciò che abbiamo già studiato, sotto un punto di vista completamente diverso. 
La trama inventata, invece, non è all'altezza di quella storica. Follett è bravo a scrivere romanzi storici e, per riuscire a dare rilevanza a ciò che accade nella Storia vera e propria, fa sì che i suoi personaggi siano molto vicini a ciò che accade. Questo comporta, però, una pesante influenza sulle vite dei suoi personaggi che vengono demandate completamente alla politica o alla religione e, le loro vicende personali, per quanto intricate e ben descritte, vengono sicuramente messe in secondo piano. Non si può considerare questo come un vero e proprio difetto, anzi, scommetto che molti di voi leggendo il romanzo non saranno nemmeno d'accordo con quanto ho appena scritto, ma, la verità è che dopo libri su libri dell'autore ho notato uno schema piuttosto persistente per quanto riguarda l'intreccio che ha reso più banale e meno rilevante questa sottotrama. 
Insomma, Follett è un Pilastro, non della Terra, bensì della letteratura contemporanea commerciale e il suo lavoro lo sa fare molto bene, ma se si scava molto a fondo e si esige il massimo si può rimanere, in parte, delusi dei colpi di scena che esulano dalla Storia vera e propria.

Ciò che ho appena scritto si può affermare anche per quanto riguarda i personaggi. Non è una sorpresa che i personaggi inventati da Ken Follett si dividano piuttosto facilmente in buoni troppo buoni per essere veri e in cattivi troppo abietti per poterli apprezzare. Per quanto vengano ben approfonditi e possano, sicuramente, essere considerati ben descritti, i personaggi non sono bidimensionali, sono più che altro ciò che rappresentano. Non si tratta di veri e propri stereotipi, la varietà è estesa e Follett è molto bravo a dare ad ognuno di loro un qualcosa di differente che li contraddistingua l'uno dall'altro ma, a conti fatti, riusciamo difficilmente a vederli come reali. Anche chi, solitamente, apprezza il cattivo della storia farà fatica ad immedesimarsi in loro e, chi non crede agli esseri umani troppo buoni, faticherà a credere all'esistenza dei protagonisti di questo romanzo.
Tutt'altro discorso, invece, si deve fare per i personaggi storici. Partendo dal presupposto che, quelli realmente descritti, sono davvero pochi e che, comunque, non vengono affatto approfonditi come se fossero i protagonisti della storia, i personaggi storici difficilmente fanno parte solo del nero o solamente del bianco, sono tutti grigi e ciò fa comprendere, secondo me, il fatto che Follett li abbia ben studiati prima di parlare di loro. 
In definitiva, perciò, penso che l'unico modo per Ken Follett di poterci scrivere un libro ancora più bello di questo, sarebbe stato quello di prendere direttamente i personaggi storici come protagonisti, lasciando perdere Kingsbridge e i suoi discendenti; cosa, ovviamente, impossibile da fare in questa particolare Trilogia che, appunto, vede la cittadina di Kingsbridge come centro di tutta la storia.

E, dato che oggi, riallaccio tutti gli argomenti, in maniera automatica, ora non posso che parlarvi dell'ambientazione. In questo aspetto, pur essendo iper critica, non sono riuscita a trovare un solo difetto. 
Kingsbridge è, in pratica, l'unica città fondamentale del romanzo totalmente inventata (per quanto ispirata a luoghi realmente esistenti) dall'autore. Impossibile per chi ha letto i due precedenti volumi non apprezzare questa particolare ambientazione che abbiamo visto, letteralmente, nascere e crescere sotto i nostri occhi. Kingsbridge ha una valenza affettiva niente male e, noi, non la scambieremmo con nessun luogo reale.
Gli accadimenti, però, non sono ambientati solamente qui. Anzi, tutto il libro si dipana in moltissimi luoghi diversi; la Francia, la Spagna, i Paesi Bassi e, ovviamente, tutta l'Inghilterra, fanno da padroni. Follett riesce, a descrivere ogni nuovo luogo senza sembrare petulante o ripetitivo, facendoci capire esattamente ogni singola differenza intercorsa tra le diverse ambientazioni.

Come avrete visto nella scheda riassuntiva ad inizio recensione non si tratta affatto di un romanzo breve; ben 903 pagine. Personalmente ho impiegato 5 giorni a leggere questo romanzo e penso che, tempo permettendo, sia piuttosto veloce da terminare. Certo, la mole del libro non solo spaventa ma può anche causare un rallentamento nella lettura (non vi dico la fatica nel leggere le ultime duecento pagine con tutto il libro che pendeva a sinistra) ma grazie allo stile dell'autore e, al coinvolgimento nella trama, il ritmo di lettura sarà veloce anche per voi.

Se avete letto qualunque altra cosa di Follett, sapete già com'è lo stile dell'autore. A parte alcune schifezze ineguagliabili come Il pianeta dei bruchi, l'autore è piuttosto coerente e sistematico in tutti i suoi scritti; se ti piace la sua scrittura in un romanzo ti piacerà anche nel successivo. Follett è uno di quegli autori che può potenzialmente piacere a tutti; usa un linguaggio semplice ma appropriato che non fa storcere il naso ai lettori di Dostoevskij e non fa annoiare i lettori di Fabio Volo. Certo, non mancano le frasi fatte o ad effetto che leggerete copiosamente nel reparto citazioni e che, sinceramente, detesto, ma penso, che facciano tutte parte del target di lettura scelta. Quando si acquista Ken Follett si sa di leggere un romanzo commerciale che piace ai più, ma si sa anche che nel suo genere è uno dei migliori in circolazione. Io ormai sono diventata snob, me ne rendo conto, però mi aspettavo qualcosina di più da un autore che scrive da così tanti anni.

Solitamente quando i personaggi non mi intrigano particolarmente fatico ad entrare nell'atmosfera della situazione. Follett, però, sa che questo aspetto non è affatto secondario e riesce ad accalappiare l'attenzione anche del lettore più critico. Anche gli avvenimenti storici di cui già conosciamo l'esito ci fanno rimanere attaccati alle pagine perché vogliamo comunque sapere i dettagli che non abbiamo mai conosciuto. Nonostante i personaggi non mi siano stati particolarmente simpatici mi sono agitata insieme a loro e ho avvertito la sensazione di pericolo in cui versavano in determinati momenti della loro storia. Le parti romantiche o simili mi hanno lasciata particolarmente indifferente ma, che questo sia un mio punto debole, lo sapete già.

Un ultimo commento lo lascio sull'insicurezza di Ken Follett che farebbe quasi sorridere se non fosse che provoca fastidi ai suoi lettori. L'autore all'inizio del romanzo ci dice di aver scritto in breve ogni volta che ricompariva un personaggio, il suo ruolo nella storia. Questo perché, a detta sua, una persona potrebbe decidere di leggere il libro lentamente e, quindi, dimenticare i personaggi. Ora, io sono assolutamente favorevole a mettere un richiamo dei personaggi quando si tratta di volumi diversi, cioè, quando si parlava di un personaggio de I pilastri della terra apprezzavo che ci fosse una breve informazione, per quanto comunque non necessaria. Mettere, però, sintesi di accadimenti letti anche solo 100 pagine prima mi sembra piuttosto esagerato. Se un lettore decide di leggere un libro in così tanto tempo da dimenticarsene i protagonisti (il che mi sembra poco credibile) sarà lui a doversi cercare le informazioni dimenticate, non l'autore a dovergli ricordare sempre tutto. Questi momenti di rewind sono presenti in quantità piuttosto numerosa ma non inficiano particolarmente nella scorrevolezza della lettura perché, fortunatamente, sono di pochissime righe e accennano solamente qualcosa, per me, però, erano non solo evitabili ma anche poco motivati.
Mannaggia Kenneth, sei uno degli autori storici più famosi dell'epoca.. secondo te hai ancora bisogno di pregarci di finire i tuoi libri in una tempistica decente?

Il libro, inoltre, presenta non solo un elenco dettagliato e completo di tutti i personaggi presenti nel libro divisi per luogo, ma anche, alla fine del romanzo, una lista dei personaggi realmente esistiti, che vengono citati al suo interno. Insomma, più completo di così non poteva essere.

In questa prima edizione ho trovato qualche refuso (gli che diventano le, errori di battitura) e, inutile dire, che il prezzo è spropositato, la Mondadori però se lo può permettere e quindi noi non possiamo fare altro che adeguarci.

Consiglio il romanzo a tutti ma vi sconsiglio di leggerlo prima dei due precedenti volumi della Trilogia. Ken Follett riesce sempre a mantenere la qualità dei propri romanzi storici in un range piuttosto alto e penso che questo libro, ma anche tutta la serie, potrà piacere a tutti; lettori più o meno esigenti.

Ecco i link per acquistare la Trilogia su Amazon:

I pilastri della terra

Mondo senza fine

La colonna di fuoco

Citazioni

Per tutta la sua breve vita Margery aveva lottato contro quella imposizione. Sapeva che Dio voleva che lei fosse obbediente, ma aveva un carattere ribelle e determinato - come le dicevano spesso - e trovava estremamente difficile comportarsi in modo docile. Tuttavia, quando glielo si faceva notare, lei era sempre pronta a reprimere la sua vera natura e a diventare arrendevole. Il volere di Dio era più importante di ogni altra cosa, questo lei lo sapeva.

Lui si mosse con sorprendente velocità e l'afferrò per le braccia. La sua stretta era forte. «Alle donne piace essere dominate.» disse.

Si sentiva come quando un cavallo affidabile inciampa e perde l'equilibrio, facendoti cadere di sella. Questo gli ricordò quanto fosse imprevedibile la vita.

Rollo diventava matto all'idea che la gente - gente ignorante, rozza, stupida, ordinaria - avesse il diritto di decidere liberamente in tema di religione. Se un'idea così ingenua avesse preso campo, la civiltà sarebbe crollata. La gente doveva sentirsi dire che cosa fare.

Si sentiva decenni più vecchio del ragazzo che aveva lasciato la scuola solo tre anni prima. Le piccole tragedie che allora lo avevano assorbito totalmente - i saggi, gli sport, le rivalità - ora gli parevano futili e ridicole.

C'era qualcosa nelle navi che gli rallegrava l'anima. Non era mai stato così felice come durante il viaggio per arrivare lì. 

«Niente dura per sempre, tranne il cambiamento.»

Ned provò un senso di colpa, anche se non ne aveva motivo: i preti facevano quell'effetto, aveva notato.

Era raro che nei processi si decretasse l'innocenza di una persona. L'opinione diffusa era che, se un uomo non era colpevole, non sarebbe mai finito nei guai.

Mentre passavano tutti dalla luce del sole alla fredda oscurità dell'enorme chiesa, lei riflettere che i figli dei re godevano di tutte le cose belle della vita, tranne la libertà.

A volte, riflettere Rollo, il destino sembrava schierarsi dalla parte del diavolo.

La paura era sempre presente nella sua vita, come una campana che suonava in lontananza per un funerale, ma non le impediva di fare il suo dovere.

«Ogni azione può essere buona o cattiva, a seconda del punto di vista.

«Margery ha ragione, è rischioso» disse il conte Swithin. «Ma non possiamo permettere che ciò ci impedisca di agire. » Sorrise. «Le donne si preoccupano di cose del genere. È per questo che Dio ha fatto sì che fossero gli uomini a comandare.»

Il suono sembrava un possente fenomeno della natura e gli fece pensare a un vento di burrasca sull'oceano. Quella gente era davvero convinta di ciò che cantava, e cioè che attraversando la valle dell'ombra della morte non avrebbe temuto alcun male.

Era prigioniera, non di mura di pietra, ma del suo amore.

Ogni uomo custodiva la propria anima tra le mani come una perla, e se l'avesse fatta cadere nell'oceano non l'avrebbe mai più trovata.

La gente era stupida, e la libertà dava pericolosamente alla testa.

Quello non poteva essere il volere di Dio. Per quanto fosse difficile da accettare, il papa aveva sbagliato.

"So cosa ti aspetta" riflettere, mentre osservava Roger "e vorrei potertene parlare, per renderti le cose più facili. Ma quando avevo la tua età non ho mai creduto alle persone più grandi quando dicevano che sapevano com'era la vita dei giovani, e immagino che neanche tu ci crederesti."

Non esistono santi in politica. Ma anche le persone imperfette possono cambiare il mondo in positivo.

Non aveva mai esitato a rischiare la vita per quello in cui credeva.

Non riabbassò lo sguardo sul libro. Era felice con i suoi pensieri. Spesso gli bastavano quelli, di recente.

Sinossi ufficiale

Gennaio 1558, Kingsbridge. Quando il giovane Ned Willard fa ritorno a casa si rende conto che il suo mondo sta per cambiare radicalmente. Solo la vecchia cattedrale sopravvive immutata, testimone di una città lacerata dal conflitto religioso. Tutti i principi di lealtà, amicizia e amore verranno sovvertiti. Figlio di un ricco mercante protestante, Ned vorrebbe sposare Margery Fitzgerald, figlia del sindaco cattolico della città, ma il loro amore non basta a superare le barriere degli opposti schieramenti religiosi. Costretto a lasciare Kingsbridge, Ned viene ingaggiato da Sir William Cecil, il consigliere di Elisabetta Tudor, futura regina di Inghilterra. Dopo la sua incoronazione, la giovane e determinata Elisabetta I vede tutta l'Europa cattolica rivoltarsi contro di lei, prima tra tutti Maria Stuarda, regina di Scozia. Decide per questo di creare una rete di spionaggio per proteggersi dai numerosi attacchi dei nemici decisi a eliminarla e contrastare i tentativi di ribellione e invasione del suo regno. Il giovane Ned diventa così uno degli uomini chiave del primo servizio segreto britannico della storia. Per quasi mezzo secolo il suo amore per Margery sembra condannato, mentre gli estremisti religiosi seminano violenza ovunque. In gioco, allora come oggi, non sono certo le diverse convinzioni religiose, ma gli interessi dei tiranni che vogliono imporre a qualunque costo il loro potere su tutti coloro che credono invece nella tolleranza e nel compromesso. Dopo il successo straordinario de I pilastri della terra e Mondo senza fine, la saga di Kingsbridge che ha appassionato milioni di lettori nel mondo continua con questo magnifico romanzo di spionaggio cinquecentesco, in cui Ken Follett racconta con sapiente maestria la grande Storia attraverso gli intrighi, gli amori e le vendette di decine di personaggi indimenticabili, passando dall'Inghilterra e la Scozia, alla Francia, Spagna e Paesi Bassi. Ambientato in uno dei periodi più turbolenti e rivoluzionari di tutti i tempi, La colonna di fuoco è un romanzo epico sulla libertà, con un forte richiamo all'attualità di oggi.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.