Crepuscolo

Di Kent Haruf
Voto: 8,5
Prima edizione: 2004
Numero di pagine: 315
Editore: NN
Consigliato: Si

Tags: Contemporaneo, Statunitense, Serie/Saga
Amazon

Trama in breve

Crepuscolo, secondo capitolo della Trilogia della Pianura di Kent Haruf, racconta le vite della popolazione della contea di Holt. in questo romanzo non c'è spazio per il dramma o l'esagerazione; è la vita vera a prevalere, con tutte le sue gioie e i suoi dolori.

Dedica

A Cathy 
e in memoria di mio nipote Mark Kelley Haruf

Incipit

Tornarono dalla scuderia nella luce obliqua del primo mattino. I fratelli McPheron, Harold e Raymond. Vecchi che si avvicinavano a una vecchia casa alla fine dell'estate.

Recensione

Kent Haruf, autore di cui ho, vergognosamente, scoperto l'esistenza solamente quest'anno grazie alla pubblicazione dell'edizione italiana di Le nostre anime di notte di NN Editore, mi ha da subito ispirata, sebbene non fossi a conoscenza di niente al suo riguardo. Possiamo dire che mi abbia chiamata, me lo sentivo che mi sarebbe piaciuto e, quindi, dovevo immediatamente leggere qualcosa di suo. Per chi non lo sapesse, aggiungo anche che il libro sopracitato è arrivato al terzo posto nella classifica dei dieci migliori libri editi nel 2017 stilata dai giurati di La Lettura, inserto settimanale del Corriere della Sera che potete acquistare ogni domenica e che vi consiglio caldamente.

Ho deciso di leggere la Trilogia della Pianura ma, avendo dato un'occhiata troppo veloce per poter sapere quale fosse il primo, mi sono sbagliata e ho scelto di leggere Crepuscolo che, invece, è il secondo romanzo della trilogia! La mia recensione, perciò, non terrà conto del volume precedente, anche se spero di recuperarlo e leggere sia quello che il terzo perché ho già capito che di questo scrittore voglio assolutamente conoscere tutto!

Gli aspetti postivi di Crepuscolo sono veramente tanti, uno che mi ha colpito particolarmente è lo stile. Come vedrete anche dalle citazioni i discorsi diretti non sono delimitati dai soliti segni che vi aiutano a comprendere quando inizia e finisce di parlare un personaggio, questa scelta non si rivela affatto uno svantaggio perché riusciamo ad entrare talmente tanto nella storia da viverla quasi come se fosse in prima persona e fossimo noi stessi all'interno del romanzo, perciò ci è assolutamente chiaro chi dice cosa. Si tratta di uno stile narrativo che dà una notevole importanza alla descrizione, non solo a quelle puramente estetiche di persone e paesaggi, che comunque sono fortemente presenti e sono sicuramente uno degli aspetti migliori, ma consiste anche nel raccontare attraverso delle immagini ciò che i personaggi compiono. La vera capacità di Kent Haruf sta, infatti, nel saperti raccontare uno stato d'animo semplicemente riferendoti i gesti dei suoi personaggi: non c'è bisogno che ci dica che sono tristi, nostalgici, felici o arrabbiati, lo desumiamo da ciò che fanno.
Piccola nota informativa aggiuntiva: il traduttore di questo libro, Fabio Cremonesi, quest'anno è stato votato come miglior traduttore dei libri usciti nel 2017, sempre per La Lettura, proprio con il libro di Kent Haruf che vi ho citato precedentemente: Le nostre anime di notte.

Come sapete, io fatico molto a percepire l'atmosfera. In questo libro, invece, questo aspetto del romanzo mi ha travolta. Mi sono immedesimata in ogni personaggio e ho avvertito le emozioni di ognuno di loro come fossero le mie. Persino riscrivendovi le citazioni (che trovate nell'apposito riquadro qui sotto) man mano che andavo avanti rivivevo le emozioni della lettura, alcune frasi mi hanno colpito ancora di più rispetto alla prima volta perché, pur decontestualizzate, mi hanno rammentato tutto ciò che sottendevano. Ovviamente per voi saranno meno d'impatto e non potrete provare la medesima emozione vibrante nel leggerle: questo romanzo sarebbe da riportare per intero perché non c'è niente che andrebbe scartato e ogni singola frase ha un significato legato a tutto ciò che è scritto prima e a ciò che la seguirà.

L'incipit ci fa immediatamente capire cosa aspettarci da questo romanzo: la storia si apre con la prima delle milioni di diapositive che si imprimeranno nella nostra mente: due anziani allevatori che tornano a casa in un giorno di fine estate. La forza delle immagini che troverete nel libro sta tutta qui: una riga e, dentro di noi, la scena prende vita, come se fosse sempre stata lì ad aspettarci.

La struttura del libro ci permette di sbirciare la storia sotto diversi punti di vista, le famiglie principali sono 3 ma i punti di vista trattati saranno di più. La narrazione è in terza persona e omogenea: non è lo stile a cambiare bensì le azioni dei personaggi che si comportano a seconda della loro personalità. Ovviamente nel modo di parlare di ognuno potremo rilevare un timbro stilistico differente coerente con il ruolo del personaggio.

In una vita in cui si fatica ad apprezzare a mala pena le persone a noi vicine è difficile riuscire a leggere un romanzo e sentire di aver amato (e non solo apprezzato ) tutti i singoli personaggi della storia eppure, per me, è stato così. Quando il punto di vista cambiava accoglievo quello nuovo con gioia, indifferentemente da chi fosse. Persino i personaggi negativi, in questo romanzo ce ne è uno che sarà tale per ogni coscienza, esprimono qualcosa di irrinunciabile; non vorremmo fare a meno nemmeno di loro.

La trama consiste nel raccontare le vite di queste famiglie, nessuna di loro ha un'esistenza che potremmo considerare perfetta, ognuno ha gioie e dolori che incidono profondamente sulla vita di ogni giorno. Ciò che ci viene raccontato è vivere quotidiano, mai noioso grazie alla forte rilevanza di ogni vita dei personaggi per noi, lettori, che vorremmo sapere che stanno bene e riescono a superare tutte le difficoltà che, sappiamo, dovranno affrontare. Ciò che accade è sempre realistico e verosimile per il mondo narrato da Haruf. Si tratta di un'allegoria della vita; ci capita di tutto eppure noi dobbiamo andare avanti e, alla fine, guardandoci indietro ci accorgiamo di avercela fatta, a volte nemmeno sapendo come e, pur continuando a sentire il dolore che ci ha trafitti, ci accorgiamo che possiamo e dobbiamo vivere. 

Come sostiene Alessandro Piperno, scrittore italiano che io conosco maggiormente per i suoi articoli su romanzi ed autori:
La contea di Holt non esiste sulla carta geografica del Colorado. Eppure sarei pronto a trasferirmici.
E, infatti, il lettore fa fatica a credere che la contea di Holt non esista realmente, Kent Haruf crea un'ambientazione così nitida da farci credere che ci racconti di un luogo realmente esistente. Le cittadine o piccole comunità, se ben raccontate, su di me hanno sempre un'effetto incredibile. Ci sono autori in grado di descrivercele non solo nella loro estetica ma anche per il senso di appartenenza dei suoi abitanti o anche solo per l'atmosfera che si respira all'interno di ogni singola casa, di ogni locale pubblico e Kent Haruf è uno di questi. La consapevolezza di vivere in un luogo, forse piccolo, forse misero, ma circondato da una specie di scudo protettore che protegge la popolazione dal mondo esterno, quello reale e sgradito, mi ha sempre affascinata. Dentro a Crepuscolo ci siamo anche noi e, per il breve tempo della lettura, ci sentiamo anche noi parte di loro. Temporalmente la storia copre quasi un anno, le date non sono specificate ma il cambio delle stagioni si desume da riferimenti espliciti ed impliciti.

Mi sono chiesta: in cosa un libro del genere può deludere? Mi sono risposta che l'unica "speranza" fosse il finale: si tratta di una trilogia e questo è il secondo volume, inevitabile che la storia non termini e rimanga l'amaro in bocca. Invece no, non posso asserire nemmeno questo. 
Certamente ne avrei lette altre 3000 pagine, ovviamente il racconto di chi scrive bene non mi basta mai, indubbiamente la storia non è finita del tutto, come potrebbe esserlo senza una catastrofe universale che si abbatte sull'intera cittadina? Ma la sensazione che ti dà questo romanzo non è quello di essere separato, una terza parte di un intero che ci è stato precluso, Crepuscolo ci fa sentire di essere completo, di avere concluso il suo ciclo e di essere separato dal suo successore per questo rilevante motivo.

Io il romanzo l'ho divorato, non mi sono nemmeno accorta di leggerlo, è finito a tradimento. Lo stile è profondo dal punto di vista comunicativo ma semplicissimo da leggere, la storia è bella, a tratti struggente, ma si riesce sempre ad andare avanti, non si viene distrutti da ciò che accade, anche se può farci male. Il ritmo, perciò, è perfetto. 

In conclusione, pur volendo fare una recensione completa e sincera, non sono riuscita a trovare un vero difetto in questo romanzo. L'unica pecca che ho riscontrato per il mio modo di essere è che è troppo poco; mai e poi mai riuscirò a farmi bastare così poche pagine di uno scrittore così bravo! Non avendo letto il precedente ed il successivo sono cauta con la valutazione ma sappiate che l'ho amato immensamente e che sono felicissima di aver scoperto questo scrittore.

Il romanzo lo consiglio a prescindere: io l'ho letto senza aver letto il precedente e credo di essere riuscita a capirlo e a sentirlo ottimamente. Consiglio, però, a tutti coloro che ne avranno l'opportunità di cominciare dal primo, Benedizione, che non ho letto ma consiglio ad occhi chiusi: impossibile che sia brutto. 
Davanti ad ogni libro bello, o anche stupendo, mi ritrovo spesso con la consapevolezza che non piacerà necessariamente a tutti perché, effettivamente, può avere aspetti che piacciono o meno soggettivamente ad ogni tipo di lettore. Crepuscolo è, invece, uno di quei libri che, per me, dovrebbe riuscire a raggiungere un vasto pubblico: non è difficile pesante per chi ama letture più leggere ma è di qualità e, perciò, accontenterà quelli che, amichevolmente, chiamo i lettori snob (di cui, spesso e volentieri, faccio fieramente parte anche io!).

Citazioni

E invece no, sempre e soltanto questa poltiglia tiepida. Che ha più o meno lo stesso sapore dell'ultima pagina di un giornale bagnato. Il giornale di ieri, per giunta.

Vecchia e sgangherata, una volta era stata di un turchese vivace, ma il sole caldo e le raffiche di vento ne avevano sbiadito il colore, ormai ridotto a un giallo sporco. All'interno, gli indumenti erano ammucchiati negli angoli e, appoggiato al frigorifero, c'era un sacco della spazzatura pieno di lattine di bibite vuote.

Si raddrizzò sulla sedia, sembrava pronto ad andarsene, ad affrontare qualsiasi cosa gli potesse capitare. Mi sembra che ce la siamo cavata piuttosto bene. Accontentati di ciò che hai e non te la prendere, dico. Qualcuno una volta l'ha detto a me.

Alle dieci accesero il vecchio, massiccio televisore in cerca di un notiziario qualsiasi proveniente da qualunque punto del mondo, prima di salire le scale e buttarsi a letto sfiniti, ciascuno nella propria stanza ai due lati del corridoio, confortati oppure no, demoralizzati oppure no, da ricordi e pensieri familiari logorati dal tempo.

Lei lo guardò passare sotto il lampione all'angolo, una figura grande, scura, che schizzava acqua mentre attraversava le pozzanghere luccicanti nella notte umida; aveva i capelli neri appiccicati alla testa e avanzava nella pioggia, diretto a una cabina del telefono a un angolo di strada.

Tenne stretta la mano del fratello e guardò oltre il recinto, verso i pascoli e ancora più in là, verso le azzurre alture sabbiose. Le colline apparivano in lontananza sul basso orizzonte. Aveva ripreso a soffiare il vento. Riusciva a sentirlo.

C'è qualcosa che non va? domandò lei. La sua voce suonava piccola e sottile. Cosa c'è che non va? È successo qualcosa?

Stava cercando di trovare parole che potessero servire a qualcosa, ma nelle lingue che conosceva non ce n'erano di adeguate al momento o capaci di cambiare minimamente la situazione. Rimasero in silenzio per un po'.

Ci sono cose che non si superano mai. E questa secondo me è una di quelle cose.

Questo può essere u posto duro dove stare da soli. Be', probabilmente qualunque posto lo è.

Aveva visto talmente tanti problemi nella contea di Holt, e tutti si erano accumulati, custoditi nel suo cuore. 

Lascia che ti faccia una domanda. Hai mai visto quei ragazzini in giro per la città? Hanno bisogno di disciplina, non ti pare? E secondo te i genitori gliela daranno mai? Non credo proprio. Non sono capaci. Non sanno nemmeno da che parte iniziare.

Tra te e me c'è un legame che durerà per il resto delle nostre vite. Non credi?

Però non sono costretta a farmelo piacere, disse.
Non piace nemmeno a me, rispose lui. Semplicemente sappiamo tutti e due che bisogna fare così. Quello che ci piace sembra che non abbia nessuna importanza. Le cose stanno così.

Non riesco a immaginare qualcosa o qualcuno che possa esserne contento. Ma ogni essere vivente del mondo prima o poi va svezzato.

Stava diventando buio, il crepuscolo precoce di una breve giornata invernale, il cielo impallidiva, scendeva la notte. Agli angoli delle strade i lampioni erano accesi e sfarfallavano.

Sinossi ufficiale

Siamo a Holt, Colorado. La vita dei vecchi fratelli Harold e Raymond McPheron è cambiata da quando hanno accolto alla fattoria Victoria Roubideaux e la piccola Katie, ma ora la ragazza ha deciso di andare all'università e di trasferirsi a Fort Collins. A poca distanza dai McPheron vive DJ, un ragazzino orfano che si prende cura del nonno. DJ fa amicizia con Dena, la figlia della vicina, e la sua storia si lega a quella di Joy Rae e del fratello Richie, che vivono in una roulotte con la famiglia e sono a carico dei servizi sociali, sotto le cure attente di Rose Tyler.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.