Il guaritore di Aër

Di Ralf Iredi
Voto: 6
Prima edizione: 2017
Numero di pagine: 186
Editore: Sensoinvenso Edizioni
Consigliato: Ni

Tags: Contemporaneo, Italiano, Fantasy, Bambini, Emergente
Amazon

Trama in breve

Rhodan è un ragazzo poco più che maggiorenne con un sogno: diventare un guaritore. La famiglia, però, ha altri progetti per lui e non ha nessuna intenzione di fargli scegliere il suo percorso di vita. Il Dio Aër sa, invece, che il Destino del ragazzo mira a qualcosa di molto importante, ed è disposto a tutto perché il fato si compia.

Incipit

La coperta scivolò giù dal mio letto, scoprendomi le gambe... coperta? In realtà si trattava di un semplice telo adagiato su un materasso di paglia, così come era consuetudine nelle famiglie povere della nostra zona.

Recensione

Ecco, di nuovo punto e a capo: era stato troppo bello per essere vero, troppo bello pensare di essersi gettati tutti i problemi dietro le spalle. La vita, purtroppo, non è una favola.

Il guaritore di Aër è un libro fantasy dell'autore Ralf Iredi.

Si tratta di un titolo pubblicato di recente, si parla infatti del mese di Settembre di quest'anno, che ho ricevuto dall'autore in forma cartacea a scopo recensione. Ringrazio, perciò, Ralf Iredi per avermelo inviato.

In questo mese ho letto davvero molti romanzi fantasy e, perciò, mi viene naturale paragonarli tra loro, questo, in particolare, è quello che ha pro e contro più agli antipodi, rispetto a tutti gli altri, ed ora capirete che cosa intendo, seguendomi negli alti e bassi della recensione.

Ho sentito lo stile di Ralf Iredi ancora acerbo: le buone intenzioni ci sono e si vedono ma, in alcuni punti, si smascherano a favore dell'impulsività. L'autore, infatti, utilizza un ottimo gergo fantasy che, però, viene saltuariamente sostituito da alcune terminologie non proprie del mondo che ci sta raccontando. Sono tutti piccoli esempi che, però, nel loro complesso, si fanno notare rendendo lo stile meno convincente. Anche il piano lessicale si modifica profondamente; da una parte troviamo parole più ricercate o, comunque, cadute in disuso, dall'altro troviamo terminologie abbinate persino ad uno stile più dialettale. Insomma, avrei preferito che il livello narrativo rimanesse omogeneo in modo tale da inserirmi al suo interno con maggiore coerenza.

Un applauso da stadio esplose all'unisono e tutti, come volevano già fare all'inizio, cominciarono a gridare il nome di Trudwin in coro.

L'ambientazione, al contrario, mi è piaciuta davvero molto. In un fantasy sento la necessità di riuscire ad immaginare per bene la geografia del luogo e le sue particolarità. Iredi, sia tramite descrizioni sia grazie ai pensieri del protagonista, riesce a descriverci tutto rendendolo chiaro e ben visibile nella nostra immaginazione. Questo succede sia per i grandi spazi che per i piccoli particolari e dettagli di un luogo.

Percorsi i vicoli più poveri della mia cittadina, dove la miserie spuntava a ogni angolo, giunsi davanti ai cancelli del quartiere superiore, così chiamato poiché preceduto da un'interminabile serie di gradini che rappresentava lo scarto fra i benestanti, o nobili, e il popolino.

Il protagonista lascia piuttosto sbigottiti. Ha circa vent'anni, (facendo una media, dato che all'interno della storia c'è una salto temporale complessivo di 3 anni) eppure non agisce come farebbe un suo coetaneo. Probabilmente quanto sto per dirvi deriva da una scelta dell'autore, che può essere spiegata dal fatto che, in questo modo, tutto ciò che viene raccontato è ex novo anche per il narratore.
Personalmente, però, non sono riuscita a considerare credibile questo protagonista e, come lettrice, non avrei mai potuto immedesimarmi in un ragazzo così sprovveduto ed ingenuo. Non solo il protagonista in questione, Rhodan, sembra non conoscere fatti noti a tutti, ma persino quando ha delle evidenze davanti, non riesce a notarle se non indotto a forza dai personaggi secondari.
Riguardo alla geografia e alla varietà delle popolazioni dei luoghi limitrofi ad Aër, luogo in cui vive il giovane, viene spiegato più volte dall'autore che Rhodan non li conosce perché gli sono sempre stati taciuti dai genitori. Pur considerandola un'ipotesi azzardata, si può anche passare sopra a quello che, comunque, si rivela un ottimo presupposto per riuscirci a raccontare tutte le novità in maniera graduale.
Succede, però, che Rhodan non arrivi a capire nulla, anche aspetti che con la sociologia e la politica centrano ben poco. Non riconosce l'amore, né quello ricevuto né quello provato, non capisce i sottintesi di alcun personaggio, fatica a fare quei semplici due più due di cui, inevitabilmente, un libro è pieno.
Ribadisco che penso che l'autore abbia fatto questa scelta consapevolmente e, in effetti, si può dire che il tutto sia coerente e sia anche spesso provato dallo stesso protagonista che dichiara di non riuscire a carpire determinati segreti. Dal punto di vista di una semplice lettrice, però,  mi sono sentita piuttosto esasperata davanti all'ennesima ammissione del ragazzo di non capire proprio cosa stesse succedendo!
Se l'età del protagonista fosse stata nettamente inferiore o se, considerato che si parla di un altro mondo e, perciò, l'età potrebbe essere relativa, i suoi coetanei fossero stati al suo stesso livello, avrei sicuramente accolto più volentieri l'ipotesi del non capire niente al primo colpo.

In quel momento mi parve di essere l'uomo più ignorante della terra, perché, se non altro a parole, tutti ne sapevano più di me di come funzionava il mondo. Sembrava fossi il solo a essere vissuto nel mio angolino tranquillo fino a poco fa, per poi esserne strappato tutt'a un tratto.

L'ingenuità del protagonista crea un contraccolpo sulla credibilità della storia perché, sebbene non vi siano avvenimenti insensati al suo interno, ci riesce difficile accettare la poca consapevolezza di Rhodan.

Gli altri personaggi sono raccontati dal punto di vista del protagonista perciò, per quanto abbiano caratteri diversi e definiti, non ci è possibile entrare nella loro mentalità e conoscerli nel profondo. Certo, capiamo di loro più di quanto riesca ad arguire Rhodan, ma resta sempre troppo poco per considerarli delle persone reali e complete.

L'incipit del libro non mi ha convinta del tutto. Non si entra immediatamente nella storia, anche se ci vengono subito date informazioni sulla famiglia del protagonista.

La trama, invece, mi ha appassionata. Semplice ma non banale, misteriosa ma non intricata, fa il suo dovere fino alla fine. Nonostante i colpi di scena non siano tali, perché nel momento in cui vengono svelati al protagonista noi li avevamo arguiti già parecchie pagine prima, la piacevolezza della storia permane e ci incita ad andare avanti. La trama inizia raccontandoci della situazione in cui vive il Rhodan e, successivamente, ci narra in quale modo cambia. È tutto molto repentino, in parte ci perdiamo un po' di suspense, però, compensiamo con il ritmo.

Di tutti i libri fantasy letti questo mese Il guaritore di Aër è, infatti, quello letto più velocemente. Nonostante io gli abbia trovato dei difetti, l'ho divorato. Questo perché la storia è piacevole e leggera, adatta principalmente ad un pubblico giovanissimo. Ottimo, perciò, il ritmo, che rende questa lettura non proibitiva e fruibile per chiunque.

"So che non ti sembrerà possibile, ma credo che Aër ti abbia inviato da noi per qualche ragione particolare. il nostro dio non lascia che le cose accadano per caso, non dimenticarlo!"

Dulcis in fundo, il finale chiude il tutto con una bella spiegazione e il termine di tutta la storia. La conclusione è, sicuramente, facile da intuire ma, personalmente, l'ho apprezzata. Inoltre, dopo aver letto solamente fantasy non autoconclusivi arrivare ad una fine vera e propria è stato un bel sollievo.

In conclusione ritengo che questo libro abbia un buon potenziale ma che questo dovrebbe essere fatto uscire con un editing che svisceri ogni punto debole e lo rielabori a seconda delle esigenze di un romanzo per ragazzi o per adulti, a seconda del pubblico di riferimento.

Penso che, così com'è, possa piacere principalmente ad un pubblico molto giovane, più attento alla trama e meno a quelli che, se letti da un adulto, possono apparire difetti troppo importanti. Lo consiglio solo, perciò, ai giovani lettori, ancora in erba.

Gli do un voto positivo perché, personalmente, mi sono divertita durante la lettura e non mi pento affatto di averlo letto.

Esorto Ralf Iredi a continuare perché, secondo me, le potenzialità ci sono eccome, ma devono essere bilanciate da un lavoro che non sempre può essere fatto da chi scrive.

Citazioni

Sapevo perfettamente, però, che tutto ciò non si sarebbe mai avverato: un guaritore era obbligato a soccorrere qualunque ferito, amico o nemico.

"Per Aër!" non potè trattenersi dal nominare uno dei nostri sacri dèi, il dio dell'aria, in onore del quale era stato battezzato il nostro regno. "Com'è possibile?"

Percepivo che mi stava nascondendo qualcosa. Negli ultimi tempi si ripeteva fin troppo: prima il mio maestro, poi mio padre e mia madre, adesso persino mia cugina! Mi domandai se per caso avessi fatto qualcosa di sbagliato. Avevo forse fatto arrabbiare gli dèi, che ora mi punivano così?

In quel momento sentii un calore improvviso riscaldarmi il cuore: non avevo mai provato una cosa del genere e, in tutta franchezza, non sapevo come interpretarla, Mi sentivo bene, al sicuro, in un certo qual modo. In più, non appena mi persi nei suoi splendenti occhi blu, il mio battito cardiaco parve impazzire.

Prima di andarsene, mi fece un occhiolino malizioso.
Stranissima fu la sensazione che provai in quel frangente.

Sinossi ufficiale

La vita di Rhodan scorre nel Regno di Aër fra la sua città natale e il mondo esterno, che per molti versi ancora gli è ignoto. I giorni si ripetono monotoni, mentre il giovane percorre la strada segnata dal volere della famiglia e lascia in disparte la sua vera vocazione. Poi, all'improvviso, la sua vita cambia a causa di una serie di misteriose morti che né lui né i sapienti del regno sanno spiegarsi: Rhodan si ritrova così catapultato fra creature di cui nemmeno sospettava l'esistenza, che gli apriranno un cammino nuovo e irto di prove e ostacoli, ma che lo condurranno a realizzarsi per le qualità che effettivamente possiede. Dovrà riallacciare vecchie amicizie e stringerne di nuove, comprendere che in certe condizioni anche la legge può essere infranta a favore della verità, prendere decisioni suo malgrado, convivere con dubbi e segreti. L'ombra di un tradimento inaspettato, però, minaccerà la pace e l'equilibrio del suo mondo. Con audacia e con l'aiuto divino, Rhodan tenterà di salvare il regno e l'intero continente da una sorte grama e terribile. La sfida ha inizio...

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.