L'atlante delle nuvole (Cloud Atlas)

Di David Mitchell
Titolo originale: Cloud Atlas
Voto: 7,5
Prima edizione: 2004
Numero di pagine: 597
Editore: Pickwick
Consigliato: Si

Tags: Inglese, Contemporaneo
Amazon

Trama in breve

Sei storie intrecciate tra loro, ambientate in tempi e luoghi diversi. Un filo conduttore ci spinge dall'epoca passata a quella nel futuro più lontano e ci racconta la storia di ognuno di noi.

Dedica

Per Hana e i suoi nonni

Incipit

Giovedì 7 Novembre

Al di là del piccolo villaggio indiano, su una spiaggia deserta, mi sono imbattuto in una serie di impronte umane fresche. Tra alghe putride, palme e bambù, le orme mi hanno condotto al loro artefice, un bianco, pantaloni e giacchetta da marinaio arrotolati, barba ruvida e cappello di castoro fuori misura, così intento a scavare e setacciare la sabbia finissima con un cucchiaino da accorgersi della mia presenza solo quando l'ho apostrofato a dieci metri di distanza.

Recensione

Cloud Atlas di David Mitchell è un libro del 2004 da cui è stata tratta una trasposizione cinematografica nel 2012.

Accade di rado che io vada a vedere un film prima di leggere un libro ma, in quell'occasione, non ero a conoscenza dell'esistenza del romanzo e, così, sono andata. La mia impressione non è stata positiva quanto avrei voluto e, una volta scoperta l'esistenza del libro, mi sono ripromessa di dare una nuova possibilità ad entrambi.

Questo mese ho partecipato ad un Gruppo di Lettura basato su questo romanzo e così, finalmente ho rispettato la mia promessa.

La forza de L'Atlante delle Nuvole è la sua struttura. Suddiviso in sei storie diverse intrecciate tra loro, mostra le capacità immaginifiche e di enorme adattamento stilistico dell'autore. Ogni storia inizia e rimane a metà, fino a giungere alla sesta, l'unica raccontata interamente. Da quel momento in poi troviamo "a specchio" tutti i finali delle altre, cosicché la prima storia è l'ultima ad avere una conclusione. 
Il collegamento che c'è tra di loro è stato definito labile e difficile da dedurre, ma io non concordo: se si legge il libro attentamente si nota bene come ognuna di esse sia collegata alla precedente. Questi legami sono interessanti ma anche forzati, non mi hanno convinta del tutto. Se non ci fossero stati, però, L'atlante delle nuvole sarebbe stata solamente una semplicissima raccolta di racconti, perdendo gran parte della sua potenza narrativa.

La struttura non colpisce solo per il suo aspetto organizzativo ma anche per come è stata messa in pratica: le sei storie non sono solamente differenti ma cambiano di genere (storico, avventura, contemporaneo, giallo, distopico e anche Post Apocalittico), di tipologia (epistola, diario, interrogatorio, romanzo, film e testimonianza), di ambientazione (sia spaziale che temporale) e, conseguentemente, di stile.

L'autora dimostra di riuscire a giocare con lo stile, riuscendo a rendere perfettamente ogni genere e tipologia narrativa nel migliore dei modi. Questa capacità è encomiabile e di difficile imitazione. Ciò che colpisce maggiormente è il gergo inventato o scelto dall'autore, sempre molto attinente all'epoca trattata.

Il panico ti mette le ali ai piedi, ma ti smerda la mente, così ho sconigliato fino a Pà. Oh, a nove anni che fai: segui l'istinto e non pensi.

Le ambientazioni sono tutte talmente diverse tra loro che sarebbe impossibile parlarne senza anticipare nulla. Mi limiterò a descriverle in generale. Sono tutte molto importanti per il corso della storia narrata al loro interno e organizzate in ordine cronologico: la prima è quella che descrive il passato più lontano, la sesta (l'unica scritta in un unico pezzo) è quella ambientata più avanti nel tempo.

Con questi aspetti si concludo quelli che per me sono i punti salienti del romanzo, quelli che lo rendono unico nel suo genere.

Il messaggio che collega queste sei storie al di là dei collegamenti sopracitati, se c'è, io non sono stata in grado di trovarlo. Ci sono alcuni elementi comuni, questo sì, ma non posso affermare di aver estrapolato qualcosa da questo romanzo che abbia un significato filosofico, metafisico o sociale. La mancanza (o difficoltà di comprensione dello stesso) sminuisce ciò che rende il libro unico e, quindi, valevole di lettura: la struttura.

Che senso aveva accumulare conoscenze, mi domandavo, se non potevo usarle per migliorare la mia esistenza?

L'atmosfera cambia molto di storia in storia, com'è inevitabile il lettore si troverà più coinvolto in alcune e meno in altre, a seconda della tipologia di struttura utilizzata (io ho un debole per il diario) e del genere (un futuro distopico mi attira di più di un passato quasi recente).
Non è così semplice, però, entrare nella storia prima che essa si concluda e questo per due motivi.
Il primo è il più oggettivo ed è collegato alla variabilità della narrazione: non tutti apprezzano l'idea di saltare da un genere all'altro, abbandonando la storia precedente e riuscire ad immedesimarsi in qualcosa di totalmente diverso da quello che si è letto in precedenza non è così semplice.
Il secondo è quello più soggettivo ma che, voglio credere, possa essere condiviso da altri e concerne lo stile (o forse la traduzione). È, infatti, vero che l'autore riesce a spaziare da un genere all'altro ma, personalmente, non sono riuscita a ritenerlo giusto in nessuna di esse. Ho apprezzato lo sforzo narrativo, ma l'ho anche notato, non ho mai avuto l'impressione che l'autore fosse sé stesso ma che cercasse in ogni modo di corrispondere all'etichetta che egli stesso si era dato. Entrare nell'atmosfera essendo costantemente conscia di stare leggendo un esercizio stilistico e letterario è stato per me impossibile.

Un libro letto a metà è una storia d'amore incompiuta.

Trattandosi di storie, ambientazioni, trame e generi diversi è inevitabile che anche i personaggi trattati siano dissimili tra loro. Paradossalmente avrei trovato il libro più significativo se, invece, si fosse dedotto il contrario, cioè che l'anima del primo di loro come una nuvola, si fosse spostata  da una storia all'altra. Ho anche pensato che l'idea di fondo volesse essere questa, ma non sono riuscita a trovare elementi in comune sufficienti a supportare questa mia tesi. Ho avuto l'impressione di conoscere alcuni di loro meglio di altri (probabilmente anche a causa delle diverse strutture scelte per ogni racconto), ma non sono veramente mai entrata nella mentalità di uno di loro. 

Ho scelto di inserire solamente l'incipit vero e proprio perché questo volume è da leggere come se fosse un romanzo e non una raccolta di racconti. Da questo inizio si può comprendere perciò lo stile utilizzato nella prima storia: più desueto e lento di altri che verranno utilizzati successivamente (ma sicuramente non il più difficile in quanto a comprensione!). 

Le diverse trame sono quasi tutte interessanti, il peccato è stato poterne godere solo in piccola parte. La più rilevante, per il mio gusto personale, è stata quella di Sonmi, dove viene raccontato un futuro distopico e postmoderno.

Come finale giudico solamente il vero termine del romanzo, e non quella di ogni racconto. L'ho trovata molto deludente perché, fino alla fine, ho sperato che ci fosse qualcosa di più, che mi avrebbe fatto capire un ulteriore collegamento tra le storie. Allo stesso tempo se si prende in considerazione la storia singolarmente, c'è un colpo di scena che non aspettavo e che mi ha fatto apprezzare di più la prima storia.

So che in molti l'hanno trovata una lettura lenta. Io, costretta a leggerlo il più lentamente possibile per il gruppo di lettura, ho faticato a non terminarlo in pochi giorni. Credo che possa essere considerato un ritmo di lettura medio: sicuramente lo stile di molti dei testi è di difficile digestione e, a volte, persino complicato da comprendere, ma allo stesso tempo la voglia di arrivare alla storia successiva e scoprire cosa accadrà dopo porta a terminare velocemente le parti "indigeste". 

Nella mia versione del romanzo ho trovato alcuni refusi, anche se vista la particolarità della scrittura non escludo a priori che degli errori siano stati inseriti ad hoc anche nell'opera originale. In caso così fosse, però, avrei preferito fossero stati scritti in modo diverso per far comprendere al lettore la volontà di sbagliare un congiuntivo apposta per rendere credibile un'epistola e non per un errore grammaticale non corretto. In questo modo è impossibile valutarne la vera cura, senza avere sotto mano (e comprendere adeguatamente) il testo originale.

In conclusione, Cloud Atlas è senza dubbio un romanzo diverso, portato avanti in maniera credibile e, quindi, gradevole da leggere. Se la struttura non fosse stata questa, però, il valore delle singole storie sarebbe notevolmente minore. Ogni elemento che ho preso in considerazione, se considerato per una singola storia, avrebbe avuto un giudizio profondamente diverso da quello appena espresso.
Si tratta del primo volume che leggo dell'autore David Mitchell e, da quanto ho capito, non si tratta della sua prima opera scritta in questo modo, perciò ritengo che dietro questa scelta ci possa essere un significato più profondo di quello che sono riuscita a cogliere.

Lo consiglio perché non è comune e, per questo, merita una possibilità. Leggetelo, però, quando vi sentirete invogliati dall'idea della novità strutturale, perché non si tratta di una lettura immediata o incalzante.

Ora non mi resta altro che guardare nuovamente il film e vedere se con il famoso senno di poi, riuscirò ad apprezzarlo più della prima volta.

Citazioni

Se esiste un rifugio tanto remoto, o un'isola tanto sperduta, da poterci soggiornare senza incappare in un inglese, sono luoghi che non vengono menzionati sulle mappe che ho visto fino a ora.

Nostro Signore, è virtù cardinale solo se i vicini condividono la nostra stessa coscienza.

Mi rivolgo al mio diario come un cattolico al suo confessore. I miei lividi testimoniano che le ultime sconvolgenti cinque ore non sono state l'allucinazione di un malato, frutto della mia indisposizione, ma eventi reali. Descriverò ciò che mi è accaduto quest'oggi, attenendomi il più possibile ai fatti.

Paura di loro? No, di essere come loro. A che serve l'educazione, il censo e il talento se non hai nemmeno un vaso da notte per pisciare?

Davvero Sixmith, dovresti provare a far l'amore in completo silenzio. Tutto quel casino si trasforma in gioia, se solo ti sigilli le labbra.

Oh, noi a piani superiori amiamo complimentarci per la nostra astuzia, ma non ci sono segreti per quelli che cambiano le lenzuola.

La risata è anarchica e blasfema. I tiranni fanno bene a temerla.

L'ascesi crea una fame così acuta che finisce per consumarti la mente.

«Quindi i vincitori», ha suggerito lui, «sono i veri perdenti perché non imparano niente di nuovo? E allora cosa sono i perdenti? Vincitori?»

«Non mi fai paura!» gl'ho detto, verità è però che la mia voce era come una scoreggina di anatra in mezzo a un uragano.»

Sinossi ufficiale

I sei protagonisti di "Cloud Atlas - L'atlante delle nuvole" vivono in punti e momenti diversi del mondo e del tempo, eppure fanno parte tutti di un unico schema, una specie di matrioska composta da sei personaggi uniti l'uno all'altro dal filo sottile e inestricabile del caso. Le loro anime si spostano come nuvole, passando dal corpo di un notaio americano di metà Ottocento, giunto su un'isola del Pacifico per assistere ai devastanti effetti del colonialismo, al giovane musicista che s'intrufola nell'esistenza di un celebre compositore belga tra le due guerre mondiali. Da un'intrepida giornalista che indaga sull'omicidio di uno scienziato antinucleare in piena guerra fredda, a un editore inglese in fuga dai creditori nella Londra anni Ottanta, sino a un clone schiavizzato nella Corea del prossimo futuro. Per arrivare infine all'alba del nuovo mondo - all'indomani dell'Apocalisse - e al suo primitivo, stupefatto abitante. I sei personaggi si trasformano vivendo avventure incredibili in un affascinante, inventivo viaggio nella Storia dalle grandi esplorazioni fino ai confini del mondo che verrà - e nell'anima stessa dell'uomo. Un romanzo generoso, un'apoteosi di sapori, colori e atmosfere che emoziona, stordisce e finisce dove tutto era iniziato. Un'epica storia del genere umano nella quale le azioni e le conseguenze delle nostre vite si intrecciano attraverso il passato, il presente e il futuro, mentre le nostre anime mutano cambiando per sempre il nostro destino.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.