L'erba dei Vandali

Di Mauro Poma
Voto: 7
Prima edizione: 2018
Numero di pagine: 284
Editore: WLM
Consigliato: Si

Tags: Contemporaneo, Italiano, Distopico, Giallo, Emergente
Amazon

Trama in breve

La Torino del 2051, obbligo di. rispettare il conformismo di Stato e una scomparsa misteriosa. Questi gli elementi principali di L'erba dei Vandali, un libro che, grazie a riferimenti storici, modella la nostra vita futura mostrandoci i rischi che corriamo dando sempre meno spazio all'individualità.

Dedica

All'affascinante mondo vegetale,
inesauribile fonte di vita e di bellezza

Incipit

Torino estate 1976

La lampada della camera si accese illuminando il locale con una luce fioca e a tratti intermittente. Due uomini si guardarono.

Recensione

L'erba dei Vandali di Mauro Poma è un romanzo ambientato nella Torino del 2051, al suo interno troviamo tutte le caratteristiche del romanzo distopico ma anche un'indagine misteriosa e di difficile risoluzione tipica del giallo.

È proprio negli elementi tipici dei due generi che L'erba dei vandali risplende particolarmente: il messaggio lanciato grazie alla distopia e la struttura delle indagini sono le colonne portanti del libro.

La distopia verte principalmente sul concetto di conformismo: ora seguire ciò che va di moda è un diktat, chi non seguirà alla perfezione tutte le regole e si distinguerà in qualcosa dalla massa rischierà di essere etichettato come asociale, cioè un indesiderabile, un rifiuto della società. 
Attraverso un escamotage interessante (un ragazzo che ripete ciò che gli hanno insegnato a scuola) vengono spesso riferite al lettore queste nuove regole e i principi che le sorreggono.

Chi non cura il proprio aspetto, chi non cerca con tutti i mezzi di migliorare il proprio aspetto è un asociale. Un individuo che non rispetta i suoi simili, imponendogli un aspetto sgradevole, non può operare con efficacia in una società conformista bilanciata.

Le indagini, per quanto coadiuvate con strumenti altamente tecnologici (seppur limitati), si svolgono come in un giallo classico: i poliziotti chiamati a risolvere il mistero della scomparsa di un luminare di ginecologia vanno avanti con le indagini analizzando le prove raccolte e gli ultimi luoghi visitati dall'uomo scomparso. Il mistero si fa sempre più fitto e coinvolge moltissimi personaggi e schieramenti diversi, inducendoci a continuare la lettura con crescente curiosità. 

La struttura del volume presenta al suo inizio una prefazione ambientata nel 1976 e alla fine un avanti veloce nel futuro. Il corpo centrale è, invece, totalmente ambientato nella Torino del 2051 e la vicenda narrata occupa lo spazio di soli 5 giorni, scanditi di volta in volta all'inizio di ogni diverso momento della giornata.

L'incipit inizia, perciò, nel nostro passato. Non presenta al suo interno i punti forti che si riscontreranno successivamente nel romanzo, perciò sebbene l'aura di mistero sia percepibile sin da subito, non si comprende pienamente l'interesse che il libro potrà avere per noi.

La trama ve l'ho già descritta: da una parte verte nel raccontare il mondo distopico e le sue differenze, dall'altra introduce l'indagine che verrà effettuata dai protagonisti della vicenda.

Nello svolgimento vengono introdotti nuovi personaggi e approfonditi i legami tra alcuni dei protagonisti. Mentre la trama distopica tende a ripetersi e a consolidare alcuni concetti già introdotti, quella gialla si infittisce sempre di più, mostrando al lettore che la soluzione del caso è ben lungi dall'essere trovata.

«Questa indagine mi fa impazzire! Tutte le volte che riusciamo ad arrivare a un passo della soluzione, succede qualche accidente che ci riporta al punto di partenza.»

il finale, come si legge anche nella sinossi, è totalmente inaspettato. Questo è dovuto al fatto che moltissimi aspetti fondamentali vengono taciuti ed è assolutamente improbabile che la fantasia del lettore riesca, da sola, ad arrivare alla conclusione ideata da Poma, che mostra un'immaginazione fuori dal comune (seppur supportata adeguatamente con tesi interessanti).

Superata la prefazione iniziale, in cui si fatica ad entrare all'interno della vicenda, il ritmo della narrazione procede velocemente, anche se non al ritmo serrato di un thriller. Per quanto contenga numerose citazioni classiche e riferimenti a luoghi, opere o popoli realmente esistiti che lasciano lo spazio a riferimenti storici anche dettagliati (aspetti che rendono la lettura utile ed interessante) l'autore non si dilunga mai esageratamente su questi aspetti e non rischia di perdere l'attenzione del lettore.

L'ambientazione è ben costruita: sono numerosi i riferimenti alla Torino del giorno d'oggi e a tutto ciò che, invece, è cambiato a causa di cambiamenti climatici, diminuzione della popolazione e altri accadimenti raccontati all'interno del romanzo.

Anche la collina stava gradualmente perdendo la sua vegetazione autoctona a causa dei mutamenti del clima e dell'erba gialla, chiamata eptafoglio o erba dei Vandali: un vegetale infestante che si nutriva del calore del sole e non pativa gli effetti delle variazioni ambientali.

I personaggi del libro vengono introdotti e, successivamente, approfonditi solo al riguardo di alcuni aspetti particolari che, spesso e volentieri, riguardano loro difetti o aspetti del carattere di difficile apprezzamento. Questo è voluto e, in buona parte, spiegato al termine del volume, ma può causare problemi ad entrare in empatia con i personaggi. Essi ci paiono o misteriosi e intangibili, come Ugo, o superficiali e sciocchi come Jessica. Simpatico il fatto che ognuno di loro pensi di essere meglio degli altri e, in buona parte, li biasimi proprio per questo, non accorgendosi dei propri evidenti limiti, forse è anche molto vicino alla realtà di molti esseri umani, anche se non è piacevole pensare che lo sia.

È per la mancata empatia con i personaggi che, difficilmente, il lettore potrà provare le loro emozioni. L'atmosfera è percepibile maggiormente nella parte iniziale della trama principale in cui la magia della diversità del mondo narrato e le tecnologie introdotte rendono pienamente il fascino di quanto raccontato.

La cura per quanto riguarda la ricerca storica e le basi su cui costruire la vicenda mi è sembrata particolarmente solida: ipotizzo che l'autore sia appassionato, o lavori nel campo della Storia, perché difficilmente si possono trovare riferimenti così precisi e attenti ad epoche così lontane, in un romanzo ambientato nel futuro (dove, appunto, il retaggio storico è sicuramente ben gradito ma non immancabile).  All'interno del testo vi sono, però, molti refusi che non inficiano sul contenuto, ma non rendono altrettanto soddisfacente la sua forma.

Lo stile dell'autore ricorda, a sua volta, maggiormente un romanzo storico piuttosto che un libro fantascientifico/giallo/distopico. Non solo non troviamo la presenza di un linguaggio diverso dal nostro, poiché l'autore non introduce molte parole nuove se non quelle che denotano dei gruppi di persone (Border) e si rifà al passato per moltissimi altri (l'erba dei Vandali) ma, inoltre, utilizza un linguaggio non colloquiale, già difficile da riscontrare nei dialoghi dei giorni nostri e ancora più complesso da immaginare sulle labbra di una donna poliziotto del 2051 che dialoga con i colleghi.

In conclusione, L'erba dei Vandali è un romanzo con grandi aspetti positivi (la costruzione del mondo distopico, le nozioni storiche, la cura dell'ambientazione) che si scontrano, invece, con aspetti che inficiano la credibilità dell'insieme (linguaggio non ad hoc, personalità dei personaggi unilaterali, relazioni interpersonali poco approfondite). Trovo che l'autore abbia ottime potenzialità ed è chiaro che dietro a questo libro ci sia stato molto lavoro, perciò sarei curiosa di leggere altro di suo.

Lo consiglio a tutti perché penso che questo libro possa piacere a diversi livelli, a seconda dei vostri gusti personali. Se amate la distopia e volete trovarne una ben costruita e ragionata, con una buona critica alla società odierna, L'erba dei Vandali fa per voi.

Citazioni

Odiava l'estate cittadina. Il mese di Luglio era il peggiore. L'afa non dava scampo e colpiva anche la notte quando l'interno degli edifici rilasciava il calore assorbito durante il giorno. 

«Non sopporto più questo sistema multimediale, appena ti succede qualche cosa ti invadono di messaggi pubblicitari. È uno strazio. Potessi spaccherei anche lo schermo.»

«Non è più possibile avere una vita privata, ogni messaggio è analizzato automaticamente dal sistema. Siamo inondati di trasmissioni che non sono state richieste e che a mio parere aumentano solo lo stato di disagio di chi li riceve. Non voglio che un sistema automatico analizzi i miei massaggi e di conseguenza i miei pensieri.»

«Il conformismo è il modo di comportarsi destinato al popolo, che deve consumare senza pensare. Gli intellettuali invece si sentono naturalmente esonerati dal mantenere i comportamenti che propongono per tutti gli altri.»

«Rientra immediatamente, dobbiamo ragionarci su con calma, tutti questi misteri ci stanno conducendo in una palude di false piste.»

Concluse i suoi pensieri con un sorriso pensando che in fondo tutte le ecchimosi che le coprivano il corpo erano il giusto dazio da pagare per ottenere una profonda soddisfazione che poteva solo rafforzare la sua già alta autostima.

Sinossi ufficiale

Nella Torino del prossimo futuro, dominata da un conformismo non solo consigliato ma quasi imposto, il commissario Vera Clot viene incaricato di una delicata indagine, in seguito alla scomparsa di un professionista che ha legami con il governo. In un deprimente scenario, sociale ed economico, operano vari gruppi politici antagonisti che trovano motivo e ispirazione per aspri scontri. La protagonista, aiutata da una ispettrice, l'amica Jessica, e da uno studente di teologia, Ugo, nell'arco di alcuni giorni dovrà risolvere una serie di enigmi per dipanare una contorta vicenda che si snoda fra un passato dimenticato e un presente alle prese con irrisolti problemi energetici e ambientali. Il lettore verrà trasportato in un viaggio fantastico, toccando idealmente alcuni dei siti artistici più affascinati e noti della città e del suo circondario. Il finale, assolutamente imprevedibile, sarà fonte di riflessione.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.