Fuochi nascosti

Di Alberto Donel
Voto: 6,5
Prima edizione: 2017
Numero di pagine: 207
Editore: 0111 Edizioni
Consigliato: Ni

Tags: Contemporaneo, Emergente, Esoterico, Italiano
Amazon

Trama in breve

Thomas, figlio del minatore Norman e presto, a sua volta minatore, sa di essere destinato a molto di più. Agogna la vita perfetta ma, un giorno, la sua strada lo porterà a rivalutare tutte le certezze della sua vita.

Incipit

Nell'estate del 1914, in un'impervia località dell'Oregon nord-occidentale, venne scoperto da un geologo dilettante un giacimento argentifero che ben presto si rivelò un autentico tesoro.

Recensione

Il libro di oggi è Fuochi nascosti di Alberto Donel.

Sebbene sulla copertina si possa leggere la scritta "thriller" io lo considero un romanzo esoterico poiché mira maggiormente a mandare un messaggio (positivo e condivisibile) piuttosto che a ciò a cui aspira un romanzo thriller: ritmo, velocità suspense.

L'incipit del libro racconta di miniere e della vita difficile e pericolosa del minatore e di un ragazzo dalle grandi capacità che sembra voler buttare via il proprio grande destino per intraprendere la stessa vita dell'odiato padre. In realtà questo inizio del romanzo non sarà altro che una lunga introduzione con il fine di farci conoscere il protagonista della vicenda e spiegarci in quale modo lui si troverà, poi, a dover fronteggiare il nemico che gli si parerà davanti solamente al termine del romanzo.

La trama, infatti, diverge rispetto alle aspettative iniziali. Dapprima si pensa che tutto il percorso sarà focalizzato su Thomas, il protagonista, e sul raggiungimento dello scopo della sua vita: migliorare sempre di più, raggiungendo il livello più alto possibile nella sua carriera lavorativa.

In realtà, sebbene all'inizio questo aspetto sia molto importante, allo svolgimento vero e proprio comprenderemo che il vero e proprio libro sarà quello della seconda parte: più movimentato e maggiormente legato ai fuochi nascosti, dai quali prende nome l'opera.

Te lo dico in sole tre parole: la conoscenza magica. E adesso domanderai che cos'è, e io ti rispondo che è la conoscenza di una realtà che esiste al di sopra del mondo tangibile e che lo circonda e lo compenetra, conoscenza che i sapienti si tramandano dalla notte dei tempi esclusivamente per via orale.

Il finale può essere considerato conclusivo e coerente. Sottolinea ulteriormente il messaggio dell'autore, dimostrando ancora una volta che lo scopo finale dell'opera era più istruttiva che ricreativa.

Lo stile scelto da Donel avvalora ulteriormente la distanza dall'opera dal genere thriller. La cifra stilistica è infatti assimilabile a quella della favola o della parabola. Ci sono momenti (anche se molto pochi) in cui l'autore utilizza un linguaggio più colloquiale che stona con l'eleganza del resto del libro (un esempio è l'utilizzo del modo di dire "di brutto"). 

Da quale ignoto presidio fuori dal tempo giungeva l'inaspettato, solenne incitamento? La risposta, ammesso che ne esistesse una, forse avrebbe dovuto cercarla in qualche evento futuro.

Lo stesso si può dire per i dialoghi.

L'ambientazione cambia con lo scorrere delle pagine. Le cittadine in cui vive il protagonista sono sempre di fantasia ma ben contestualizzate. Si passa dall'Oregon, all'Arizona al luogo che, più di tutti, colpirà l'immaginazione del lettore: Sacsayrumi.

Da quell'istante non ebbe che un pensiero: raggiungere la lontana e sconosciuta Sacsayrumi e chiarire il mistero, augurandosi di essere ancora in tempo.

L'atmosfera è sempre tangibile: si capisce che un alone di mistero e di magia permea sulla vicenda e che ciò che ci viene raccontato ha un fine più ricercato rispetto alla semplice narrazione.

All'interno del libro sono moltissimi gli spunti di riflessione e gli insegnamenti, per questo motivo la lettura non procede spedita ma porta il lettore a fare pause tra un capitolo e l'altro per poter considerare meglio quanto appena letto. Nella seconda parte del libro, in realtà, questo aspetto viene un po' meno (dato che le basi per capire vengono date nella prima parte) e la vicenda comincia ad essere più dinamica e anche più ritmata. Io, come sempre, apprezzo più le parti introspettive e lente e, per questo, ho lasciato con dispiacere la staticità della prima parte del romanzo.

I personaggi sono raccontati per alcuni loro aspetti fondamentali: ciò che viene detto è solo quello che può servire al fine della comprensione del messaggio finale.

Nel suo intimo, le contraddizioni fra una straripante immaginazione e la durezza e la staticità della vita cominciavano a diventare insopportabili, provocando in lui una smania crescente di rompere gli argini di quella sua esistenza tanto piacevole quanto preordinata dagli altri e priva di qualsiasi slancio emotivo.

In conclusione, Fuochi nascosti di Alberto Donel è un romanzo esoterico che ha ottime idee, ma che può rischiare di confondere il lettore. La mia idea forse sarà poco apprezzata (i lettori solitamente preferiscono la concisione piuttosto che la prolissità) ma io avrei preferito maggiormente vedere questo romanzo diviso in una duolagia o, comunque, avrei desiderato che la crescita del protagonista fosse più lenta e dettagliata. In questo modo la scalata lavorativa di Thomas avrebbe avuto più spazio per essere descritta e, nel secondo volume, si sarebbe potuta affrontare l'evoluzione dinamica della trama con più trasporto, senza sentire troppo la distanza dall'incipit.

Penso che i libri maggiormente miranti alla trasmissione di conoscenze e concetti e non di semplice intrattenimento siano solo per coloro che li scelgono appositamente.
Solo chi crede o può credere alla forza degli elementi (come ad esempio gli amati minerali del minatore Thomas), chi crede nel destino e, soprattutto, nell'esistenza di un fuoco interiore (ma nascosto) che brucia dentro di noi e ci porta, se assecondato, a esiti positivi, potrà veramente apprezzarlo. Per questo motivo lo consiglio solo a chi è interessato a temi esoterici e, soprattutto, vi invito a non acquistarlo per riceverne l'intrattenimento e la suspense di un thriller.

Citazioni

Quei manovali erano un po' simili ai salmoni, che risalendo la corrente del fiume s'impegnano allo stremo delle forze e non mollano fino a quando non hanno completato la risalita che garantirà la continuazione della specie.

Vedi Payne, questi sbandati accorrono qui perché sperano di fare fortuna, di arricchirsi. È necessario spiegare loro che si tratta di una preoccupazione intuirle, perché quello che conta è vivere nel timore di Dio, e che è preferibile patire fame e indigenza piuttosto che precipitare nell'abisso.

«Per Giove!, lo hai già dimenticato! Te ne parlai la scorsa settimana... o forse quella precedente. Dovresti essere più attento alle cose che ti confido.»

«Bene. E ricorda: il fuoco nascosto non deve mai essere trascurato. Lo conserverai vivido e brillante come adesso?»

L'uomo e la sua ombra attraversarono il bosco fusi in una sola figura deforme, intrufolandosi insieme fra le piante spogliate dal freddo, calpestando all'unisono le foglie disseccate di un'estate ormai lontana, come lontano e assolutamente irrecuperabile era ormai il tempo delle alternative.

Dato il suo temperamento, del resto, non aveva alternative; o sarebbe riuscito o la forza del bene che era in lui - un bene concreto, terreno ed essenzialmente umano - avrebbe potuto implodere e trasformarsi in una forza negativa, pronta a sfociare in territori pericolosi, ai limiti della società e della legge.

Nel cielo, d'un azzurro appena velato, spiccava qualche candido cirro. Faceva caldo in quel pomeriggio estivo, ma una brezzolina abbastanza fresca lo rendeva più che sopportabile, smuovendo le fronde degli alberi sparsi qua e là a macchia, e i campi erbosi non ancora ingialliti dal solleone.

Insomma, Braxton provava l'odiosa sensazione di essere finito in una sorta di ragnatela . finissima e impercettibile, tuttavia non meno pericolosa - nella quale veniva a poco a poco imbrigliato insieme ai suoi stessi pensieri.

«... ma esiste la casualità? Quali forze misteriose interagiscono con le nostre azioni? Ci pensa mai lei? Io sì. Perché uno che è buono e altruista muore giovane... mentre un altro che è malvagio se la gode fino alla vecchiaia? Perché ogni azione virtuosa prende sempre una strada contorta e piena di insidie? Perché ogni cosa giusta si perde come nei meandri di un labirinto?»

Sinossi ufficiale

Ha sofferto e lottato per emergere dalle sue umili condizioni, ha raggiunto il successo e si è sposato felicemente, senza mai rinunciare ai suoi principi. Arriva, però, il momento in cui la fortuna gli volge le spalle: suo figlio si smarrisce nei meandri dell'occulto, e lui - Thomas Braxton - si troverà coinvolto in un'avventura straordinaria e densa di insidie che lo porterà infine in un luogo arcano, dove dovrà misurarsi, per la vita sua e di altri, con il tenebroso custode di un culto primordiale.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.